5 consigli per iniziare con lo sci di fondo

Attrezzatura, abbigliamento, tecniche principali: abbiamo intervistato il maestro Roberto per conoscere i segreti di questo sport

È una delle gare più amate da chi pratica lo sci di fondo, ma è anche una festa che da oltre trent’anni riunisce in Trentino, nell’ultima domenica di gennaio, migliaia di sportivi e appassionati, esperti e principianti. Stiamo parlando della Marcialonga, la più importante manifestazione di granfondo in Italia, che con un percorso lungo circa 70 chilometri attraversa la Valle di Fassa e la Val di Fiemme.

Abbiamo approfittato della Marcialonga per parlare di sci di fondo con Roberto, insegnate della Scuola Italiana Sci Fondo Viote, circuito che offre oltre trentacinque chilometri di piste da fondo ai piedi delle Tre Cime del Monte Bondone. Gli abbiamo chiesto di dare qualche consiglio a chi vuole cominciare questo bellissimo sport, che permette di unire i benefici dell’attività sportiva al piacere di godere del paesaggio sciando in mezzo alla natura, a ritmo lento.

 

Ecco i 5 consigli del maestro Roberto:
 

1. Per cominciare, partiamo dalla definizione: lo sci di fondo è uno sport invernale, appartenente al gruppo dello sci nordico. Si basa su una tecnica che permette di avanzare sulla neve grazie all'utilizzo coordinato di sci e bastoncini. Si divide in due stili: il passo alternato o “classico”, che si effettua all’interno di binari battuti precedentemente da un gatto delle nevi e il passo pattinato o “skating”, che si pratica su pista libera, battuta ma senza binari. Il nostro consiglio è di cominciare con il passo alternato, per prendere dimestichezza.


2. Si può iniziare a qualsiasi età, ci sono bambini che si avvicinano allo sci di fondo fin dai tre anni. Per cominciare, la prima cosa da fare è noleggiare l’attrezzatura da una scuola di sci e farsi seguire da un istruttore per imparare la tecnica e i movimenti di base, come frenata, scivolata e spinta.
 

3. L’abbigliamento consigliato è quello adatto a fare trekking in alta quota, quindi si tratta di un abbigliamento sportivo, che tenga caldo ma che al contempo sia comodo ed elastico. La misura e il tipo di sci e bastoncini varia in base agli stili: in linea di massima i bastoncini devono arrivare sotto il mento nella tecnica classica e alla punta del naso nello skating.
 

4. Generalmente lo sci di fondo può essere praticato da novembre fino a marzo inoltrato. Permette di godere di meravigliosi paesaggi e offre ottimi spunti per gli appassionati di fotografia. Il nostro consiglio, se si pratica fondo classico, è di uscire dai binari per scattare foto, in modo da non bloccare gli altri sciatori.
 

5. I benefici per il fisico sono notevoli, è uno sport in cui la fatica e la tecnica si fondono in un movimento elegante e bilanciato. Lo sci di fondo è uno sport che attiva tutto il corpo, con i muscoli che si muovono in scioltezza più che in potenza, rendendoli elastici e scattanti. È inoltre un esercizio perfetto per il sistema cardiovascolare. Non ultimo, grazie all’impegno bilanciato dei muscoli è uno sport che ha un ottimo effetto tonificante che aiuta ad affinare la silhouette.


Informazioni pratiche:

Se vuoi conoscere il maestro Roberto, puoi trovarlo alla Scuola Italiana Sci Fondo Viote

Ciaspole, sci da fondo, nordic walking alle Viote

Supernordicskipass

Con un'unica card puoi sciare presso gli 11 centri del fondo aderenti in Trentino. Visita il sito per avere dati sempre aggiornati su kilometri di piste, neve, meteo e i servizi presenti nei vari centri.

Leggi di più