Per il Trentino la sicurezza è al primo posto

In questa sezione potrai approfondire tutte le misure adottate dai nostri operatori e fornitori di servizi turistici per tutelare te e i tuoi cari.

Ami la natura? Ecco cosa vedere in Trentino

Otto paesaggi mozzafiato, che meritano un posto d’onore nella galleria dei tuoi ricordi

Ci sono paesaggi naturali la cui bellezza apre il cuore.

Ci sono dei luoghi, e il Trentino ne è pieno, in cui la natura crea meraviglie. Qui lei diventa pittrice per ritrarre i più bei paesaggi naturali mai visti, diventa scultrice per modellare la terra e creare forme incredibili, diventa anche musicista per dare vita a melodie tra gli alberi o con l’acqua e le rocce.

Se ti stai chiedendo cosa vedere in Trentino per cogliere appieno la bellezza della natura, la tua vacanza non può concludersi senza queste otto tappe. Otto posti in cui diventare testimoni delle opere millenarie, surreali, magiche di Madre Natura.

Otto paesaggi naturali da visitare in Trentino e che porterai per sempre nella tua memoria.

#1

Il lago di Tovel

Un tempo, in estate, le acque del lago si tingevano di rosso. Anche se non è più possibile assistere a questo spettacolo, il “Lago Rosso” conserva la sua magia. Una magia in cui si specchiano le Dolomiti del Brenta e il suo Parco Naturale. L’acqua diventa un quadro dove il paesaggio appare più vivo che mai.

#2

Lo spettacolo delle cascate

È emozionante scoprire la forza dell’acqua quando riempie i ruscelli e, nel suo viaggio verso valle, diventa cascata. In Trentino, non puoi perdere le cascate di Nardis, in Val Genova, e quelle di Vallesinella, nei pressi di Madonna di Campiglio. Sono veli da sposa che nascondono le sculture del tempo.

#3

I canyon del Trentino

Il lento scorrere dell’acqua ha creato, nei secoli, mondi nascosti, fatti di cunicoli, grotte e cascate. Mondi la cui bellezza si scopre camminando tra le rocce dei Canyon del Trentino. Ti lascerà senza fiato quello del Rio Sas in Val di Non. Suoni d’acqua che danzano al ritmo dei tuoi passi.

#4

Le Piramidi di Segonzano

In Val di Cembra, la natura ha dato vita a un paesaggio surreale: pinnacoli di terra e ciottoli alti 20 metri. Vengono chiamati gli “òmeni de tera”, visto che sembrano imponenti sagome di uomini con dei cappelli in testa. Cappelli in bilico su punte di pietra che sfilano tra boschi e memorie.

#5

Sulle orme dei dinosauri

Una gita nel parco paleontologico dei Lavini di Marco, alle pendici del Monte Zugna, t permette di tornare indietro nel tempo. Qui, infatti, potrai camminare accanto alle impronte fossili lasciate da un dinosauro circa 200 milioni di anni fa. Forme perfette, calchi reali scolpiti sulla terra.

#6

La Marocche di Dro

Dal verde dei parchi naturali al paesaggio lunare della Marocche di Dro, il viaggio è più breve di quanto si possa pensare. Qui la natura ha dato vita a un paesaggio arido e brullo, di rocce frantumate e smosse dal tempo. A volte, la luna è più vicina di quanto sembri. A volte, le parole non bastano. Bisogna vedere.

#7

La Foresta dei Violini

In Val di Fiemme, ti potrai addentrare nel “bosco che suona”: una foresta di abeti rossi di risonanza, il cui legno viene utilizzato per costruire le casse di risonanza dei violini. Vuoi sapere perché? Prova a colpirne uno con il palmo della mano… e lasciati attraversare da onde nuove e inaudite.

#8

L’Enrosadira

Lo spettacolo più bello delle Dolomiti si ripete ogni giorno al tramonto. Quando il sole colpisce le pareti rocciose, le montagne si tingono di rosso, accendono il cielo e abbracciano le stelle. Solo il genio di un artista avrebbe potuto immaginarle. Natura le ha create per non farsi rubare l’idea.

Pubblicato il 11/11/2021