Tullio Garbari. Primitivismo e modernità

Il Mart presenta a Palazzo delle Albere a Trento una selezione di opere di Tullio Garbari provenienti dalle raccolte provinciali

21 DICEMBRE 2019 / 23 FEBBRAIO 2020

Interprete di valori profondamente radicati nel territorio trentino, Garbari (Pergine Valsugana, 1892 – Parigi, 1931) è stato un artista e poeta che si è confrontato, ancora giovanissimo, con i protagonisti dell’avanguardia italiana. Appena diciottenne comincia a esporre a Venezia a Ca' Pesaro, partecipando al clima di rinnovamento al quale contribuiscono Arturo Martini, Umberto Moggioli e Gino Rossi.

Le forme semplici, quasi naïf, della sua pittura sono espressione di un "primitivismo colto", nutrito dallo studio del passato e inserito nel dibattito culturale del Novecento: una cultura che Garbari interpreta alla luce della sua personale ricerca spirituale.


Per l’occasione il Mart ritrova alcuni spazi che, alle sue origini, hanno ospitato le Collezioni e le mostre del museo. Questa storia espositiva è protagonista di una serie di video inseriti nel percorso, realizzati con i materiali documentari provenienti dall’Archivio fotografico e mediateca.

Inaugurazione sabato 21 dicembre ore 11.30

 


L'analisi di Vittorio Sgarbi

"È stata mia precisa volontà  restituire palazzo delle Albere alla sua originaria destinazione, come parte integrante del Mart (acronimo che fa riferimento al Museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto e di Trento), ospitando opere di artisti trentini per diverse ragioni relegate nei depositi.
Non ho avuto dubbi nell’ iniziare questa nuova stagione con l’artista meno locale e più originale, nella sua assoluta autonomia da mode e movimenti: Tullio Garbari. Questa riemersione dai fondi del Mart è anche un ritorno: io vidi la prima mostra di Tullio Garbari proprio in palazzo delle Albere, nel 1984, trentacinque anni fa. E ne conservo il catalogo, a cura di Giorgio Mascherpa con Gabriella Belli e Maria Garbari.

La originalità dell’ artista segna il punto di congiunzione tra primitivismo e modernità, senza alcuna indulgenza per le avanguardie, ponendosi in equilibrio fra le nuove riflessioni di Carlo Carra’ su Giotto, il doganiere Rousseau, Alberto Magri, Lorenzo Viani. Tutti spiriti indipendenti, la cui autenticità  è, letteralmente, originaria. Non è un caso che, con la parola “primitivo”, si indichi un mondo che non è solo quello dell’arte africana, che ispirò Picasso, ma anche quello delle origini della pittura moderna, tra Cimabue, Giotto e Duccio di Buoninsegna.
Primitivi sono, in questa periodizzazione, i pittori del  Trecento e del Quattrocento, il cui nitore  e candore l’opera di Garbari riproduce, più per istinto che per ragione. Ne è pienamente consapevole Garbari. Dopo gli anni della formazione, tra Venezia e Firenze, Garbari ha la sua illuminazione formale a Milano, grazie all’assidua frequentazione con Carlo Carra’ che iniziò nel 1910 (si ricordino opere come “L’ antigrazioso” o “La carrozzella”). 

ll salto nella cultura arcaica avviene proprio grazie a questo incontro, anche se presto  le strade dei due pittori si separeranno. Infatti, il primitivismo di Carrà è eminentemente una questione  formale, mentre quello di Garbari ha una sacralità profonda che nasce dallo studio della espressività emotiva e passionale dell’arte arcaica, e soprattutto di quella popolare. È proprio nella dimensione del sacro che il primitismo di Garbari raggiunge un’autenticità senza precedenti, che trasfigura in visione mistica non solo l’ iconografia devozionale (“San Sebastiano”, “Sant’ Antonio”, la “Composizione apocalittica”, la “Madonna della pace”), ma anche la disarmante semplicità di un soggetto da ex voto come il “Miracolo della mula”.

Quando i grandi artisti raggiungono un diapason così alto, poi la loro ricerca esce dai confini della pittura primitiva, nella quale Garbari eccelle. Nascono così capolavori di ispirazione quasi onirica, al confine con il realismo magico, come la “Sibilla di Terlago”. Alcune agresti ingenuità sembrano coincidere, sul piano della ispirazione, con la pittura successiva, e carica di turbamenti, di Antonio Ligabue e Pietro Ghizzardi, due eccentrici, fuori dalla storia come fu Garbari. Ma Garbari non è un pittore senza tempo. Come osservò Gino Severini: “Lo sforzo di semplificazione e di purificazione interna che si trova nell’opera di Garbari e la sua costante intenzione di mettere in essa un ricco contenuto spirituale lo conduce, per così dire, automaticamente verso uno dei fini più nobili e, nello stesso tempo, dei più attuali: e cioè quello di toccare le intelligenze della folla, nello stesso tempo che quelle della cosiddetta élite”.

Ora, molte cose sono state dette, e si diranno ancora, di Tullio Garbari, e della sua originalità e centralità e autenticità, nei primi trent’anni del secolo scorso. Ma io non voglio risparmiarmi di stupirvi, allargando il campo delle affinità a un altro artista e un altro mondo, come per indicare una necessità e una urgenza dei tempi. C’è infatti, a distanza, e senza collegamento, una singolare consonanza tra l’opera di Tullio Garbari e quella del grande pittore americano, nato soltanto un anno prima di lui, nel 1891: Grant Wood, autore del celeberrimo “American gothic”, di stesura più minuziosa ma di identico  stupore, che caratterizza, oltre che le presenze umane, il paesaggio del grande pittore: anch’esso onirico e incantato. In entrambi i casi si tratta di rappresentazioni di assoluta verginità. Si accostino opere come “Riposo sul prato” a “Spring in the country”, di corrispondente sensibilità, per averne riscontro. E se la visione di Grant Wood viene definita “regionalista”, quella del trentino Garbari può ben dirsi autonomista, senza paragoni in tutta la pittura, e con tangenze assolutamente spontanee con grandi artisti diversamente primitivi, come Giotto e William Blake. Mi fermo qui.

E, riproponendo in palazzo delle Albere le opere di Tullio Garbari, auspico un rinnovato vigore di studi sui grandi artisti trentini, da Luigi Bonazza a Mario Disertori, da Umberto Moggioli a Paolo Vallorz."


Vittorio Sgarbi



Vedi anche ...

28 risultati
cosmo

Cosmo cartoons

20/07/2019 - 14/06/2020 Trento
Top Evento

Richard Artschwager

12/10/2019 - 02/02/2020 Rovereto

Giornata della memoria - La Casa di David

03/02/2020 Torbole sul Garda - Nago

Stagione Teatrale di Prosa - Istria 1943. Joh mene! Un grido nel buio

09/02/2020 Torbole sul Garda - Nago
01_100 marchi-Berlino 2019

100 Marchi - Berlino 2019

09/11/2019 - 09/02/2020 Trento

Giornata della Memoria - Ricordare per non dimenticare

21/01/2020 - 10/02/2020 Arco

Sei libero?

14/02/2020 Riva del Garda

Stagione Teatrale di Prosa - Maratona di New York

18/02/2020 Riva del Garda
Gran Carnevale Tiarnese | © Foto Fototeca Federazione Pro Loco

Gran Carnevale Tiarnese

22/02/2020 - 23/02/2020

Carnevale Mocheno a Palù del Fersina

25/02/2020 Palù del Fersina
Gran Carnevale di Romeno | © Foto Fototeca Federazione Pro Loco

Gran Carnevale di Romeno

25/02/2020 Romeno

Carnevale di Grauno

21/02/2020 - 25/02/2020 Grauno

Stagione Teatrale di Prosa - Medicina e musica

28/02/2020 Torbole sul Garda - Nago

Danzare la rivoluzione

19/10/2019 - 01/03/2020 Rovereto

Strozzi-Klein: focus nelle Collezioni del Mart

25/10/2019 - 01/03/2020 Rovereto

Rossi-Martini: focus nelle Collezioni del Mart

25/10/2019 - 03/03/2020 Rovereto
cosmo

Cosmo cartoons

L’esplorazione dell’Universo tra scienza e cultura pop

Leggi tutto ...

Richard Artschwager

In mostra uno dei maggiori esponenti del minimalismo

Leggi tutto ...

Giornata della memoria - La Casa di David

Atto unico di Renzo Fracalossi a cura del Club Armonia

Leggi tutto ...

Stagione Teatrale di Prosa - Istria 1943. Joh mene! Un grido nel buio

Tratto da una storia vera, testo e regia di Gloria Gabrielli con Alberto Scerbo, Roberto Garniga e Gabriele Girardelli

Leggi tutto ...
01_100 marchi-Berlino 2019

100 Marchi - Berlino 2019

a 30 anni dalla caduta del muro di Berlino (9 novembre 1989) un progetto artistico del fotografo Tommaso Bonaventura, in collaborazione con la...

Leggi tutto ...

Giornata della Memoria - Ricordare per non dimenticare

Mostra delle opere di Gjergi Kola in memoria delle persecuzioni razziali

Leggi tutto ...

Sei libero?

Serata letteraria con la DIVINA COMMEDIA tenuta dal prof. Gregorio Vivaldelli

Leggi tutto ...

Stagione Teatrale di Prosa - Maratona di New York

Spettacolo di Edoardo Erba con Fiona May e Luisa Cattaneo regia di Andrea Bruno Savelli

Leggi tutto ...
Gran Carnevale Tiarnese | © Foto Fototeca Federazione Pro Loco

Gran Carnevale Tiarnese

Anche a Tiarno grande festa, con il Gran Carnevale Tiarnese

Leggi tutto ...
Valle dei Mocheni - Carnevale Mocheno - Maschera Betscho e Betscha

Carnevale Mocheno a Palù del Fersina

Uno spettacolo entusiasmante

Leggi tutto ...
Gran Carnevale di Romeno | © Foto Fototeca Federazione Pro Loco

Gran Carnevale di Romeno

Tradizionale festa di carnevale con competizione di carri allegorici e sfilata per le vie del centro

Leggi tutto ...

Carnevale di Grauno

ll carnevale di Grauno , uno dei più antichi dell'arco Alpino

Leggi tutto ...

Stagione Teatrale di Prosa - Medicina e musica

testo, musiche e regia di Gianni Pontarelli

Leggi tutto ...

Danzare la rivoluzione

Isadora Duncan e le arti figurative in Italia tra Ottocento e avanguardia

Leggi tutto ...

Strozzi-Klein: focus nelle Collezioni del Mart

In dialogo il pittore seicentesco Bernardo Strozzi e l’artista contemporaneo Yves Klein

Leggi tutto ...

Rossi-Martini: focus nelle Collezioni del Mart

I dipinti di Gino Rossi dialogano con le sculture di Arturo Martini nelle sale del MART

Leggi tutto ...

Eventi da non perdere