Spazi aperti, calda accoglienza e vacanze sicure quest’inverno in Trentino

Per un soggiorno sereno e senza preoccupazioni

Da sempre, spazi aperti e ritmi naturali fanno del Trentino la destinazione ideale per ritrovare equilibrio e benessere in ogni stagione. Anche durante il bianco inverno. In Trentino, ti aspettano infatti 800 km di piste, 229 impianti, 6000 km di sentieri e ben 1.000 alberi per abitante!

Questi numeri stanno ad indicare che le scelte per sciatori e turisti meno sportivi sono davvero molte qui in Trentino, dove gli spazi aperti non mancano, e che le possibilità di trovarsi dentro situazioni affollate saranno ridotte anche dall'utilizzo di sistemi intelligenti per la gestione delle code. 

Noi stiamo continuando a lavorare con impegno e serietà, per garantire anche in inverno la sicurezza di tutti e per rendere le tue vacanze in Trentino un momento dedicato alla natura, al divertimento, al relax senza preoccupazioni. Sulle piste da sci, in hotel, nei rifugi sulla neve, sugli skibus o nei ristoranti delle località sciistiche: abbiamo creato protocolli dettagliati per ridurre i rischi, per garantire la salute di tutti e perché tu possa sentirti sicuro.

Ti aspettiamo, come aspettiamo sempre l'inverno, volenterosi di poterti dare, insieme all’accoglienza che abbiamo sempre saputo e voluto offrirti, anche la possibilità di una vacanza in cui rigenerarti, a contatto con la natura e con le persone a cui vuoi bene.

Troverai in questa sezione le informazioni sempre aggiornate, su tutte le misure adottate in Trentino, per prenderci cura di te e dei tuoi cari.

 

Le misure più importanti adottate in Trentino quest’inverno

Di seguito riassumiamo brevemente le misure più importanti alle quali stiamo lavorando per una vacanza invernale in Trentino in tutta sicurezza.

  • una gestione intelligente delle code e dei flussi e l'intensificazione dei servizi di prenotazione e di pagamento online
  • la sanificazione costante e controllata di tutte le cabine degli impianti, dei WC e di altri spazi pubblici
  • una maggiore frequenza dei servizi di trasporto come gli skibus per soddisfare le necessità di spostamento vista la capienza ridotta
  • un servizio attento e il rispetto delle misure anticontagio anche nei punti di ristoro in alta quota
  • un servizio di soccorso efficiente e attivo sul territorio, disponibile h 24 
  • attività e corsi di gruppo strutturate secondo tutte le prescrizioni di sicurezza
  • controlli sanitari regolari per tutto il personale attivo nel settore turistico

Aiutaci a prenderci cura di te 

Per aiutarci a prenderci cura di te, di tutti gli altri ospiti e anche degli operatori locali, ti chiediamo di goderti la tua vacanza in Trentino, osservando sempre queste regole di base:

  • Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  • Lavati spesso le mani o igienizzale usano i gel che troverai a disposizione
  • Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci e lavati o igienizzati le mani in seguito
  • Mantieni le distanze di sicurezza dalle persone che non appartengono al tuo nucleo convivente e rispetta le code con pazienza
  • Indossa sempre la mascherina anche all'aperto e sempre quando non puoi mantenere la distanza dalle persone che non vivono con te
  • Prenota anticipatamente tutti i servizi della tua vacanza, come ski pass, noleggio sci, lezioni di sci, pranzi e cene (soprattutto in rifugio) e prediligi i pagamenti elettronici
  • Non uscire se presenti sintomi influenzali e se hai la febbre (sopra i 37,5 °C) o se convivi con persone che hanno sintomi riconducibili a Covid-19
  • Se pensi di essere stato contagiato non recarti al pronto soccorso: chiama la guardia medica o avvisa il gestore della struttura in cui stai pernottando. 

Attenzione: a causa dell'attuale situazione in continua evoluzione, possono subentrare cambiamenti normativi improvvisi con conseguente allentamento o irrigidimento dei provvedimenti. Questa pagina e le relative sezioni verranno costantemente aggiornate.

Data ultimo aggiornamento: 16 novembre 2020

In Trentino la situazione è sorvegliata dal lavoro costante di una task force dedicata quotidianamente. Ciononostante è necessario collaborare e seguire tutte le semplici prescrizioni per limitare i rischi possibili.
Attualmente il Trentino rientra nella zona gialla, ovvero a rischio controllato, come stabilito dall'ultimo dpcm nazionale del 4 novembre: oltre alle misure attive sul territorio nazionale sono state rafforzate da un provvedimento provinciale.

In breve le misure:

  • fino al 3 dicembre fra le 22 e le 5 del mattino è possibile muoversi solamente per comprovate esigenze. Sul territorio nazionale sono possibili, senza comprovata esigenza, solo gli spostamenti fra le regioni a rischio controllato. 
     
  • I comuni di Bedollo, Baselga di Piné e Castello Tesino sono da considerarsi in zona Rossa.
     
  • è obbligatorio indossare la mascherina sia al chiuso che all'aperto e nelle vicinanze di persone che non appartengono al proprio nucleo convivente (vale anche per i viaggi in automobile e in abitazione privata). Rimangono esenti da questo obbligo i bambini sotto i 6 anni, anche se resta valido l'obbligo di indossare la mascherina a partire dai 3 anni su tutti i mezzi di trasporto e per tutta la durata del tragitto. Sono esenti dall'obbligo di utilizzo della mascherina anche i soggetti con patologie non compatibili con i dispositivi di protezione delle vie aeree e le persone che svolgono attività fisica in solitaria, fuori dai centri abitati e rispettando le distanze di sicurezza di almeno 2 metri dagli altri.
     
  • I mezzi pubblici di trasporto viaggiano al 50% della capienza consentita.
     
  • Su tutto il territorio nazionale sono chiusi musei, teatri cinema e tutti gli istituti di cultura. Sono chiuse anche discoteche, palestre, centri benessere e piscine.
     
  • Nei paesi e nelle città l'attività sportiva individuale può essere svolta nelle aree verdi e nei parchi periferici e nel rispetto della distanza minima di 2 metri.
  • Sono state integrate delle misure di contenimento aggiuntive sui servizi di ristorazione (vedi la sezione dedicata sotto), per garantire maggior sicurezza.

  • L’accesso ai negozi è consentito ad una sola persona per nucleo familiare (ad eccezione di accompagnamento di minori sotto i 14 anni o di persone che necessitano di assistenza). Nei giorni prefestivi vengono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, e le domeniche restano chiusi gli alimentari.

  • Secondo gli ultimi provvedimenti governativi, il Trentino rientra nelle zone italiane a rischio controllato (Zona Gialla) per tanto è possibile entrare e uscire dalla nostra Provincia, senza comprovate esigenze, solo verso le regioni identificate dallo stesso status. 
     
  • Per ogni domanda inoltre, in Trentino è stato istituito un numero verde 800 390 270 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 17.00, con orario continuato e il sabato mattina dalle 8.00 alle 14.00
     
  • Per chi arriva o rientra dall'estero, sul sito del Ministero degli esteri, è attivo un questionario interattivo per verificare la normativa in vigore. Qui sotto, riepiloghiamo in breve alcune delle casistiche.
     
    • Le persone arrivate in Italia e in Trentino da Belgio, Francia, Regno Unito, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Spagna sono tenuti a compilare un'autodichiarazione hanno l’obbligo di sottoporsi a un test molecolare o antigenico (tampone), al loro arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine o dovranno effettuarlo presso l'Azienda provinciale per i servizi sanitari entro le prime 48 ore dal rientro. In alternativa, al momento dell’imbarco per il rientro in Italia devono presentare a chi ha l'autorità di effettuare i controlli, l'attestazione di aver già effettuato il test -risultato negativo- nelle 72 ore precedenti all’ingresso nel territorio nazionale.
       
    • per le persone arrivate in Italia e in Trentino dagli altri Paesi UE, Schengen, Andorra e Principato di Monaco devono compilare solamente un'autodichiarazione.
       
    • per le persone che arrivano in Italia e in Trentino da Australia, Canada, Georgia, Giappone, Romania, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay è necessario compilare un'autodichiarazione, osservare quarantena fiduciaria e sorveglianza sanitaria. Una volta in Italia sarà possibile raggiungere la propria destinazione finale solo con mezzi privati.
       
    • Dal resto del mondo in questo momento non è consentito l'ingresso in Italia e in Trentino per motivazione turistica: sono consentiti solo spostamenti per precise motivazioni lavorative, di salute, di studio o di assoluta urgenza.
       
    • Per chi proviene da Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Colombia, Montenegro e Kosovo è fatto divieto l’ingresso di entrare in Italia con alcune specifiche eccezioni che sono riepilogate qui.

 

Per la parte di esperienza che parla direttamente al palato e passa per la tavola, irrinunciabile e preziosa in ogni viaggio, abbiamo preparato questa guida, dove potrai rileggere le prescrizioni e gli accorgimenti seguiti e da seguire nei ristoranti e nei locali, anche quelli più attuali e aggiornati per prevenire rischi e contagi. Ricordiamo che i servizi di ristorazione potranno essere aperti dalle ore 5 alle ore 18 e che i servizi a domicilio potranno essere in funzione fino alle 22, mentre quelli di delivery sono consentiti senza limiti di orario. Consigliamo sempre di contattare telefonicamente prima la struttura e prenotare il servizio.

Anche i servizi di ricettività del Trentino si sono riorganizzati per adottare tutte le misure necessarie a prevenire le situazioni di contagio e per garantirti un soggiorno in piena tranquillità e con flessibilità per rispondere alle tue esigenze. Leggendo la guida dedicata che ti abbiamo preparato potrai scoprire tutte le specificità in base alla struttura ricettiva che fa per te.

 

In questo momento molte attività restano sospese come gli accessi ai centri benessere, alle palestre o ai sistemi museali, ma in Trentino puoi svolgere tantissime attività all'aperto e in sicurezza, scoprendo boschi e sentieri, evitando gli assembramenti e riscoprendo la bellezza di stare all'aria aperta anche in questa stagione. Ricorda di rispettare le distanze minime di sicurezza e di indossare la mascherina sempre quando sei in presenza di persone che non vivono insieme a te.

Troverai presto in questa sezione aggiornamenti e guide specifiche.

 

Il Trentino vanta un’ampia rete di trasporti locali – autobus, ski bus, navette e treni locali - che permette di garantire gli spostamenti all’interno delle più grandi cittadine di fondovalle e il collegamento fra queste e le valli montane immerse nel verde. Attualmente, il sistema pubblico dei trasporti locali funziona a regime contingentato con una capienza del 50%. Procedure e accortezze, come la capacità ridotta e sanificazione, garantiscono lo svolgimento del servizio in tutela dei clienti. Con questa guida potrai conoscerne meglio il funzionamento. 

 

Capillarità della rete di strutture mediche e rapidità di intervento in caso di emergenza: sono questi i due biglietti da visita del sistema sanitario trentino al servizio dei residenti, ma anche degli ospiti. Questo imprescindibile servizio, insieme a molti altri, può garantire la tranquillità della tua vacanza in Trentino. Probabilmente ti chiederai se l’emergenza sanitaria è sotto controllo qui in Trentino, se e come viene monitorata la situazione e se ci sono procedure specifiche in caso di contagio.

Ci sentiamo di tranquillizzarti. E ci teniamo a condividere con te come il Trentino ha gestito l’epidemia e quali misure cautelative sono state messe in atto per tutelare la salute di ospiti e locali. A seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19, è stata istituita una task force che monitora in modo costante la curva del contagio da Coronavirus in Trentino. Gli ospedali sono stati riorganizzati, incrementando il numero di posti in terapia intensiva ed è stato attivato un pre-triage con percorso immediato e un’area dedicata per persone che presentano sintomi influenzali.

Per far fronte all'emergenza è stato istituito un numero verde Covid nazionale attivo 24 su 24 per ogni cittadino e risponde al 1500. Il numero unico per le emergenze, il 112, deve essere contattato per emergenze di altro genere.
Un altro utile strumento creato per contrastare la diffusione dell'epidemia è l'IMMUNI, l'APP nazionale di contact tracing, che permette di sapere se si è stati in contatto con soggetti contagiati. Per saperne di più e per scaricarla puoi leggere qui.

In Trentino, dal 12 agosto 2020, è stato attivato un nuovo numero verde 800 390 270 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 17.00, con orario continuato e il sabato mattina dalle 8.00 alle 14.00, che risponde alle domande e alle chiamate di coloro che arrivano o rientrano da Paesi sensibili (Spagna, Croazia, Grecia, Malta) e hanno bisogno di verificare il proprio stato prima di potersi muovere liberamente. Per la prenotazione del tampone è possibile compilare questo form online https://servizi.apss.tn.it/rientroestero/ 

 



Cosa fare se pensi di avere sintomi da Covid-19?

Se presenti febbre, tosse o difficoltà respiratorie o sospetti di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da Covid-19, non recarti al pronto soccorso o presso gli ambulatori medici dislocati sul territorio! Informa la direzione o il proprietario della struttura in cui stai soggiornando per contattare al più presto il servizio di guardia medica turistica della zona, che si attiverà con l’Azienda provinciale per i servizi sanitari per effettuare la visita medica in sicurezza. 

 

Per saperne di più sui servizi utili organizzati in Trentino puoi leggere qui.