Rolando Trenti - Kailedoscope Caleidoscopio

ROLANDO TRENTI / KALEIDOSCOPE - CALEIDOSCOPIO

VATTARO / PALAZZO BORTOLAZZI / SALA CONSILIARE / 29 GIUGNO – 10 AGOSTO 2018 INAUGURAZIONE VENERDI 29 GIUGNO ORE 18.00

 

Cromatismo, leggerezza, stupore, trasparenza, metamorfosi, sono alcuni degli elementi che attraversano tutta la ricerca pittorica di Rolando Trenti, figura centrale dell’arte contemporanea trentina del secondo Novecento, al quale il comune di Altopiano della Vigolana dedica una mostra dall’evocativo titolo “Kaleidoscope/Caleidoscopio”. Il caleidoscopio, una macchina ottica tanto semplice nel suo meccanismo di funzionamento quanto affascinante per le infinite combinazioni visive ch’è in grado di generare, viene assunto come metafora dei processi operativi e poetici che hanno caratterizzato il lavoro di Trenti durante tutte le molteplici fasi del suo singolare e complesso percorso. La mostra è stata realizzata, attraverso il particolare allestimento curato dall’architetto Alessandro Passardi, come una sorta di piano-sequenza lungo il quale una ventina di opere, appartenenti a cicli pittorici differenti, dialogano organicamente tra loro grazie ad una collocazione che prevede differenti piani prospettici, modulati e alternati in un unico spazio visivo.

Attuata lungo la superficie della tela o della carta, distese in orizzontale sul pavimento, utilizzando pigmenti spesso diluiti con l’acqua, nella sua pittura Rolando Trenti ha sempre tenuto fede ad un principio di profondità, di orizzonte “allargato”, che si realizza attraverso un equilibrio raffinatissimo di rarefazione e di concentrazione dei colori, dei segni, delle presenze che abitano le sue opere. Non si tratta solo di una dinamica di ordine puramente compositivo e spaziale, ma anche e soprattutto della sensibilità con la quale l’artista ha saputo inserire nell’opera un gradiente temporale e psicologico, l’urgenza e la necessità di dare forma ad un processo di interiorizzazione dei luoghi e dalle esperienze - fisiche ed emotive - dalle quali nascevano le immagini che davano forma ai suoi cicli pittorici.

In quasi quarant’anni di attività, un dato forse è rimasto costante nella ricerca di Trenti: pensare il quadro, l’opera, come un luogo sensibile, come una “finestra” aperta contemporaneamente su due direzioni, quella esterna e quella interna, luogo d’incontro e di sovrapposizione tra la dimensione del reale e quella dell’immaginario, tra la fisicità dell’esistente e la sua trasfigurazione poetica.

Vicinanza e lontananza, movimento e sospensione, presenza e assenza, alla base del suo operare vi è sempre stata un attitudine dialettica, la volontà di attuare una visione nitida ed equilibrata, eppure sempre misteriosa, laterale, sfuggente, mai definitiva.

In tal senso risulta esemplare l’attenzione dedicata dall’artista al tema del paesaggio. Nei lavori di Rolando Trenti il paesaggio sembra infatti essere una costante ideale, oltre che visiva, un punto verso il quale direzionare la propria sensibilità e mettersi in una condizione di ascolto e di attenzione. E’ un paesaggio che viene avvicinato con delicatezza e sensibilità, secondo visioni molteplici che si articolano tra vicinanza e lontananza, tra l’osservazione precisa e la deriva poetica. Nei differenti cicli pittorici lungo i quali si è realizzata la sua ricerca, Trenti è infatti riuscito ad attraversare quel complesso insieme di suggestioni fisiche ed emotive che ne costituiscono la forma, sempre mutevole, e a fare emergere la complessità che il paesaggio racchiude e della quale noi diveniamo gli stupefatti visitatori.

In tal senso il reale che ci circonda entra nei lavori di Trenti uscendone trasfigurato, in un gesto quasi da alchimista, capace di raccogliere la leggerezza del vento, di sospendere il brulichio dell’acqua, estrarre il cristallo da un cielo turchino. Le presenze che attraversano i suoi dipinti sono le forme che riemergono dalla natura come dalla memoria, tracce che costituiscono una sorta di archeologia del presente. Dal paesaggio naturale alle planimetrie delle città, dalle trasparenze alchemiche dei cristalli, dell’acqua e dell’aria, alle suggestioni poetiche delle aree industriali dismesse, l’attenzione di Trenti si è sempre rivolta a tutto ciò che racchiude un movimento sospeso, una storia da ricostruire attraverso la decantazione e il ricordo, all’immediatezza di un segno che racchiude una complessità da decifrare, qualcosa di vivo, dinamico, metamorfico. Il suo lavoro pare attraversato da suggestioni che possono essere percepite ma non fissate, trattenute ma non descritte, libere dalle leggi della gravità fisica, dove anche le parole, talvolta, risultano superflue.

 

Orari apertura:

Lunedì chiuso
Martedì 15-18
Mercoledì 10-12
Giovedì 15-18
Venerdì 15-19
Sabato 15-19
Domenica 10-12

 



Vedi anche ...

20 risultati

Festival dell'Economia - Tra ordine e disordine

02/06/2022 - 05/06/2022 Trento
Top Evento

I Suoni delle Dolomiti: Accent

31/08/2022 San Martino di Castrozza

I Suoni delle Dolomiti: Elio

21/09/2022 Primiero-Tonadico

«Arte in viaggio. Collezioni, nobili dimore e viaggi. Dal...

09/04/2022 - 19/06/2022 Tenno

I nomi locali dei comuni di Primiero San Martino di Castrozza e...

26/05/2022 Primiero-Tonadico

Gemme di Gusto

01/05/2022 - 29/05/2022 Trento

Baiti en festa

25/06/2022 Giovo

Le frontiere della psicoanalisi "In Gioco"

24/06/2022 - 28/06/2022 Lavarone

A tutto Müller

23/06/2022 - 03/07/2022 Giovo

Centrale di Fies

26/05/2022 - 03/07/2022 Dro

Concorso Internazionale per giovani cantanti lirici Riccardo Zandonai

09/07/2022 - 13/07/2022 Riva del Garda

Montagne Racconta

23/07/2022 - 24/07/2022 Montagne

Trentino Music Festival per Mezzano Romantica

19/06/2022 - 31/07/2022 Primiero - Mezzano

Notturna al Forte Belvedere

02/07/2022 - 13/08/2022 Lavarone

Mistero dei Monti

06/08/2022 - 14/08/2022 Madonna di Campiglio

Arco in Vintage

12/08/2022 - 16/08/2022 Arco

Festival dell'Economia - Tra ordine e disordine

Dal 2 al 5 giugno Trento si tinge di arancione

Leggi tutto ...

I Suoni delle Dolomiti: Accent

Il progetto musicale che fa del jazz e del canto a cappella il proprio punto distintivo

Leggi tutto ...

I Suoni delle Dolomiti: Elio

"Ci vuole orecchio"

Leggi tutto ...

«Arte in viaggio. Collezioni, nobili dimore e viaggi. Dal...

Mostra della Casa degli Artisti Giacomo Vittone

Leggi tutto ...

I nomi locali dei comuni di Primiero San Martino di Castrozza e...

Presentazione del 21° volume della collana Dizionario toponomastico Trentino

Leggi tutto ...

Gemme di Gusto

La natura sboccia lungo la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino

Leggi tutto ...

Baiti en festa

Apericena al tramonto tra le baite di campagna e i muretti a secco

Leggi tutto ...

Le frontiere della psicoanalisi "In Gioco"

Il gioco è il modello genetico dell’attività creativa che, con la mediazione della fantasia, fonda la relazione fra l’uomo e la realtà.

Leggi tutto ...

A tutto Müller

Undici giorni di attività e iniziative dedicate al Müller Thurgau

Leggi tutto ...

Centrale di Fies

l luogo dove cresce la nuova arte performativa

Leggi tutto ...

Concorso Internazionale per giovani cantanti lirici Riccardo Zandonai

Il concorso è oggi un punto di riferimento per il mondo del bel canto, capace di richiamare pubblico da tutto il mondo

Leggi tutto ...

Montagne Racconta

Teatro di narrazione con spettacoli teatrali, animazione/narrazione per bambini, spettacoli itineranti e offerta gastronomica tipica.

Leggi tutto ...

Trentino Music Festival per Mezzano Romantica

Corsi di perfezionamento della Music Academy International di New York.

Leggi tutto ...

Notturna al Forte Belvedere

Provate ad immaginare Forte Belvedere illuminato da tante lanterne e da una luce blu, una compagnia teatrale che narra...

Leggi tutto ...

Mistero dei Monti

20° edizione del Festival culturale d'alta quota: incontri letterari, filosofici, scientifici e passeggiate con ospiti illustri.

Leggi tutto ...

Arco in Vintage

50s '60s '70s '80s '90s: live music, vintage market, moto e auto d'epoca, spettacoli e tante altre sorprese!

Leggi tutto ...

Eventi da non perdere