Le visioni di Breccia e Fida

La "pittura ermeneutica" di Pier Augusto Breccia (Trento, 1943) e l'"astrattismo magico" di Adriano Fida (Reggio Calabria, 1978) sono i due protagonisti giustapposti della mostra d'arte a palazzo Trentini voluta dalla Presidenza del Consiglio provinciale di Trento.

L'esposizione, che resta aperta e visitabile per l'intero mese, è l'occasione per apprezzare, negli spazi dedicati di via Manci 27, il percorso creativo sicuramente originale e le opere di grande formato e di particolare impatto scenico di due artisti già ampiamente noti. Personalitàdiverse per origine, biografia e formazione, entrambi residenti a Roma e fortemente legati al Trentino.

Parlando di Breccia nel suo discorso all'inaugurazione, il presidente Bruno Dorigatti ha detto che l'artista "è entrato, negli anni, nella sfera della grande arte internazionale, offrendo così, anche se indirettamente, un riscontro mondiale alla nostra terra, oltrechè alla sua narrazione artistica".

Il presidente del Consiglio provinciale ha sottolineato "la dimensione forte ed elastica del sogno, del surreale, dell’astratto" che c'è nelle opere esposte, "quasi a dire che la realtà sia incapace di raccogliere e raccontare completamente l’uomo, i suoi dubbi, i suoi tormenti e le sue speranze. Ecco che allora la narrazione artistica incrocia il passo con il bisogno di antica e nuova filosofia, cioè di amore per il pensiero, come ci raccontano Pier Augusto Breccia ed Adriano Fida con i loro colori e le loro forme, per alcuni versi stravaganti ed inquietanti al tempo stesso e che richiamano un’indagine interiore ed esteriore continua".

"Ma il sogno che, sopratutto l'arte di Pier Augusto Breccia evoca, richiama anche alla mente – ha aggiunto Dorigatti - le variopinte dimensioni dell'infanzia e dell'uscita dalla realtà. Breccia è infatti percorso da quesiti esistenziali profondi, che egli riversa dentro una pittura ricca di colorazione, geometrie e fantasie, ma altrettanto carica del peso delle grandi questioni che avvolgono l'esistenza. Ecco perché questa mostra dice di noi, dei nostri pensieri, delle nostre astrazioni e ci aiuta a riflettere, in un tempo sempre più avaro di pensiero e di prospettiva, per capire in quale direzione di futuro l'uomo sta andando".

Brevi cenni biografici.

Breccia, dopo una formazione scientifica e una lunga pratica medico-chirurgica, si congeda dalla professione nel 1985 per dedicarsi alla ricerca artistica, assecondando una forte predisposizione alla speculazione filosofica e mettendo a frutto il suo talento nel disegno. Con un linguaggio personalissimo affronta la complessità dell'uomo contemporaneo, interpretando l'arte pittorica come approccio ermeneutico all'individuo ed espressione simbolica della propria interiorità, con frequenti riferimenti alla cultura cristiana. Lungo la sua carriera riscuote successi in Italia e all'estero, a New York, dove risiede a lungo, e in altre città europee e americane. E' di nuovo in Italia dal 1966, impegnato in un programma espositivo ad ampio raggio.

Dal 2003, anno di pubblicazione del suo manifesto artistico-filosofico, Breccia è considerato nel mondo dell’arte contemporanea come il caposcuola della "pittura ermeneutica"che, egli stesso afferma, "non è “un altro modo di dipingere” nel senso di una tendenza stilistica o di un “trend” d'avanguardia, ma piuttosto un altro modo di intendere l'arte".

Nell'esposizione, una selezione dall'intera produzione pittorica di Breccia, oli su tela edisegni preparatori catturano per forme e colori lo sguardo del visitatore, invitatodall'artista a interpretare liberamente l'immagine offerta mediante la propria personale sensibilità e immaginazione.

Fida, cresciuto attraverso lo studio dei grandi maestri del passato, all'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, e perfezionatosi nell'arte dell'affresco, sviluppa il suo lavoro a partire dalle radiciclassiche e dalla cultura di derivazione ellenistica della terra d'origine, rivitalizzandole con una poetica sognante, dal cromatismo potente e carica di una forte valenza simbolica ed espressiva. Dopo una produzione incentrata sull'allegoria del ciclo vitale naturale, con la serie delle Nature morte, Fida esplora il tema mitologico, con tutta la sua carica evocativa, e della divinità, che nei suoi lavori assumono, attraverso il tema del ritratto, le sembianze dell'uomo comune.

Il trattamento della tela e l'impasto dei colori, l'uso del chiaroscuro e della luce, marcano le origini culturali di questo artista, che recupera tecnicamente gli insegnamenti degli antichi maestri della pittura figurativa, fiamminga e caravaggesca, mantenendo tuttavia saldo l'ancoraggio con l'arte moderna. Già numerose le sue esposizioni in sedi prestigiose, a Roma, Napoli, Firenze, Milano, Venezia.Tra i riconoscimenti recenti: è selezionato da Vittorio Sgarbi per la mostra Expo Arte Italiana nell’ambito di Expo Milano 2015, dove vince il 1° premio nella sezione pittura; nello stesso anno è ospite della Biennale Internazionale della Calabria, quindi,nel 2017, è finalista all’International Arc Salon, il concorso di arte realistica più prestigioso degli Stati Uniti.



Vedi anche ...

57 risultati

GENOMA UMANO. Quello che ci rende unici

24/02/2018 - 06/01/2019 Trento
premium
Sezione_7_Mi_scappa_da_ridere

Mi scappa da ridere

10/10/2018 - 20/10/2018 Cles
12.ARMIDA_Q016

Quartetto Armida

22/10/2018 Trento
Arvo Volmer_photo_(c)Kaupo Kikkas_crop (4)

Arvo Volmer, direttore - Jean-Efflam Bavouzet, pianoforte

24/10/2018 Trento

Concerto tra Mendelssohn e Beethoven

25/10/2018 Trento
Festival Città di Trento (Associazione Organistica Trentina Renato Lunelli)

Omaggio a Laurence Feininger

26/10/2018 Trento
Paesaggi Ferroviari_mostra(Fondazione Museo Storico del Trentino)

150 anni della Ferrovia del Brennero / Paesaggi Ferroviari

13/09/2018 - 28/10/2018 Trento
SHEMOVES-SHEPLAYS_trentocultura.it

#Shemoves #Sheplays

09/10/2018 - 28/10/2018 Trento
13.IMG_5186logo

Duo Alexander Lonquich / Cristina Barbuti

30/10/2018 Trento
2_mostra_150anni_Ferrovia del Brennero(www.ladigetto.it)

150 anni. Ferrovia del Brennero

31/03/2018 - 31/10/2018 Trento
LINA PASQUALETTI BEZZI locandina-001

Illuminazioni

05/10/2018 - 02/11/2018 Trento
Cesaro 1(Associazione Ars Modi)

Musica della Grande Guerra

03/11/2018 Trento
Terre di Confine(Boccanera Gallery)

Grenzländer - terre di confine

28/09/2018 - 03/11/2018 Trento
DE CARLI SERGIO

La noce – visioni artistiche contemporanee

06/10/2018 - 03/11/2018 Trento
Stefano Rattini

Programma a sorpresa con visita dell'organo

04/11/2018 Trento

NÅ IN TRITT VON BOLF - IL RITORNO DEL LUPO - DIE RÜCKKEHR DES WOLFES

02/04/2018 - 04/11/2018 Luserna

GENOMA UMANO. Quello che ci rende unici

La mostra che offre l’opportunità di riflettere sulle nuove questioni che scaturiscono dal progresso della genomica.

Leggi tutto ...
Sezione_7_Mi_scappa_da_ridere

Mi scappa da ridere

Arriva a Cles una sezione della nuova mostra Nati per Leggere

Leggi tutto ...
12.ARMIDA_Q016

Quartetto Armida

Concerto su musiche di L. van Beethoven, S. Prokofiev, F. Schubert

Leggi tutto ...
Arvo Volmer_photo_(c)Kaupo Kikkas_crop (4)

Arvo Volmer, direttore - Jean-Efflam Bavouzet, pianoforte

Orchestra Haydn – Stagione sinfonica 2018/2019

Leggi tutto ...

Concerto tra Mendelssohn e Beethoven

Nell'ambito del progetto culturale di formazione e produzione concertistica "Giovani in Sinfonia" diretto da Giancarlo Guarino

Leggi tutto ...
Festival Città di Trento (Associazione Organistica Trentina Renato Lunelli)

Omaggio a Laurence Feininger

Nell'ambito della diciottessima edizione del Festival Organistico Internazionale "Città di Trento"

Leggi tutto ...
Paesaggi Ferroviari_mostra(Fondazione Museo Storico del Trentino)

150 anni della Ferrovia del Brennero / Paesaggi Ferroviari

Una selezione di immagini sui paesaggi ferroviari della Ferrovia del Brennero da Innsbruck a Verona

Leggi tutto ...
SHEMOVES-SHEPLAYS_trentocultura.it

#Shemoves #Sheplays

Donne e sport in Trentino

Leggi tutto ...
13.IMG_5186logo

Duo Alexander Lonquich / Cristina Barbuti

Concerto su musiche di I. Stravinsky e O. Messiaen

Leggi tutto ...
2_mostra_150anni_Ferrovia del Brennero(www.ladigetto.it)

150 anni. Ferrovia del Brennero

Dalla diligenza all'alta velocità

Leggi tutto ...
LINA PASQUALETTI BEZZI locandina-001

Illuminazioni

Opere di Lina Pasqualetti Bezzi

Leggi tutto ...
Cesaro 1(Associazione Ars Modi)

Musica della Grande Guerra

In occasione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale musiche di Granados, Scriabin, Debussy, Malipiero, Ravel

Leggi tutto ...
Terre di Confine(Boccanera Gallery)

Grenzländer - terre di confine

A cura di Giovanna Nicoletti

Leggi tutto ...
DE CARLI SERGIO

La noce – visioni artistiche contemporanee

Mostra a cura di Andrea Zanotti, Nicoletta Tamanini e Gianluigi Rocca

Leggi tutto ...
Stefano Rattini

Programma a sorpresa con visita dell'organo

Scuola d'ascolto della Musica Organistica, XXIV edizione - anno 2018

Leggi tutto ...

NÅ IN TRITT VON BOLF - IL RITORNO DEL LUPO - DIE RÜCKKEHR DES WOLFES

Carattere nobile ed indipendente, intelligente ed adattabile, il lupo sarà il protagonista della mostra annuale 2018

Leggi tutto ...

Eventi da non perdere