Per il Trentino la sicurezza è al primo posto

In questa sezione potrai approfondire tutte le misure adottate dai nostri operatori e fornitori di servizi turistici per tutelare te e i tuoi cari.

Into the wild in Trentino: inseguendo cascate nascoste

Una guida scrosciante per gli animi più avventurieri

Esplora gli itinerari meno affollati e cammina lungo i sentieri meno battuti: scoprirai meravigliose cascate. Rimani in silenzio, per ascoltare lo scrosciare del torrente e farti guidare dal canto delle acque limpide che scorrono su pietre dolci e levigate.

Scoprire una cascata è come rigenerarsi dopo una lunga corsa, è un’emozione che riallinea il tuo equilibrio con la natura. Te ne consigliamo alcune, da scoprire in Trentino.

Cascate del Saent, Val di Rabbi

Cascate di Saent, Val di Sole e Rabbi Due piccole cascate e un sottile ponte di legno a cavallo del salto d’acqua. Il fascino delle cascate di Saent sta anche nel punto osservazione privilegiato da cui poterle ammirare (facendo un po’ di attenzione a non scivolare). Fermatevi nel centro del ponte e lasciatevi rigenerare dagli spruzzi.

Cascate di Vallesinella Madonna di Campiglio Val Rendena

Da Madonna di Campiglio, seguendo il sentiero Arciduca, si giunge alle cascate di Mezzo di Vallesinella e al rifugio omonimo. Il percorso prosegue verso il rifugio Vallesinella e le cascate Alte, per approdare alla casina di Vallesinella Alta. Al ritorno percorri il panoramico percorso dell’Orso: itinerario emozionante che attraversa ponticelli in legno sospesi proprio al centro delle cascate.

Cascate del Rio Bianco Terme di Comano

Originate dai cunicoli carsici della parte meridionale delle Dolomiti di Brenta, riposano in inverno e sgorgano in primavera ed estate. Dallo stesso complesso nascono anche il Rio Cugol e il Malea-Barbison, raggiungibili con un suggestivo percorso di visita. Un sentiero dove il tema dominante è l’acqua: modellatrice del paesaggio, linfa vitale, risorsa per l’uomo.

Orrido di Ponte Alto Trento

È un posto sconosciuto ai più, ma probabilmente lo sarà ancora per poco grazie alla sua spettacolarità. Il Canyon dell’Orrido, al limite della città di Trento, è stato aperto al pubblico solo recentemente, dopo un attento lavoro di messa in sicurezza ed è visitabile in compagnia di una guida. È stupefacente immergersi in questa gola scavata nei millenni dal torrente Fersina, tra cascate alte oltre 40 metri e strati di roccia rossa.

Cascate del Pison - Val di Sole

Questi getti d’acqua incastonati in una forra, sono un gioiello custodito dentro lo scrigno della bella Val Meledrio, angolo fra i meno conosciuti dell'ampio territorio presidiato dal Parco Adamello Brenta. Come ogni tesoro va conquistato, ma lo sforzo in questo caso non è eccessivo: una piacevole passeggiata nel bosco, per ascoltare la natura.

Cascata del Gorg d'Abiss -Valle di Ledro

Un luogo antico e selvaggio, dal nome evocativo e un po' misterioso. La cascata del Gorg d’Abiss sorprende anche l’esploratore disincantato. Appare d’improvviso, inaspettatamente, come se l’acqua sgorgasse direttamente dalla roccia. Un posto segreto, ma alla portata di tutti.

Cascata del Varone Garda Trentino

È un luogo magico, quasi mistico, tanto da ispirare alcuni passi del romanzo “La montagna incantata”, capolavoro di Thomas Mann. La gola di roccia che ospita la cascata è l'opera architettonica creata dalla coesistenza di diversi elementi naturali, di forze in equilibrio tra loro.

Cascata di Tret - Val di Non

Potremmo chiamarla la cascata nascosta fra i canyon. Il tuffo d’acqua si svela come un’incantevole sorpresa al termine dell’escursione che dal paese di Fondo si addentra nel bosco, percorrendo antiche vie di pellegrinaggio. Un itinerario che si può percorrere anche in famiglia, giocando un'insolita caccia al tesoro in una bella giornata di primavera.

Pubblicato il 13/04/2021