Cento auto storiche alla scoperta del territorio

Dal 18 al 21 settembre 108 vetture d’epoca e 220 partecipanti all'ADAC Trentino Classic saranno impegnati in un affascinante percorso a tappe con base a Molveno e che toccherà la totalità delle vallate occidentali. Percorreranno 525 chilometri sulle strade fra Garda e Dolomiti di Brenta

Dal 18 al 21 settembre sarà l'Altopiano della Paganella con la perla blu del lago di Molveno, anche nel 2017 proclamato lago più bello d'Italia dal Touring Club Italiano, il cuore dell'ADAC Trentino Classic, la principale manifestazione che l'Automobile Club Tedesco riserva alle auto d'epoca e da ben quattordici edizioni ospitata sul nostro territorio. Un evento che combina la passione per i motori con l'occasione di promuovere il territorio e i suoi tesori ambientali, culturali, enogastronomici tra gli appassionati tedeschi di vetture storiche. Oggi pomeriggio, nella sede di Trentino Marketing, si è tenuta la presentazione della manifestazione, presenti i responsabili organizzativi di ADAC e dell'Altopiano della Paganella interessato dall'appuntamento.
In questa edizione di Adac Trentino Classic ben 108 auto d’epoca, modelli costruiti tra gli anni '30 e gli anni '80 del secolo scorso, percorreranno 525 chilometri tra i panorami delle valli del Trentino. Per i partecipanti, 220 tra piloti e accompagnatori, saranno quattro giornate nelle quali ammirare i luoghi più suggestivi del Trentino, scoprendone i borghi più caratteristici, insieme alle tante eccellenze dei diversi territori attraversati. In questa edizione la carovana delle auto d'epoca toccherà le strade dell'Altopiano della Paganella, delle Valli Giudicarie, della Valle del Chiese, della Val di Ledro, del Garda Trentino e della valle dei Laghi, lungo le Valli di Non, Sole e Rendena, il Monte Bondone, la Valle dell'Adige, la Val di Cembra e la Piana Rotaliana.

Come da tradizione l’evento è caratterizzato dalla presenza di pregiate "old cars" dei primi decenni del Novecento. Un vero museo viaggiante dell'automobile dove spiccano veri e propri gioielli: una Chevrolet Independence Phaeton del 1931 e due S.S. Jaguar del 1937 e del 1938. Ci sarà anche una storica Trabant P50 Combi del 1961con motore raffredato ad aria, icona dell'ex DDR, una Mercedes Benz 180 D-Am Combi del 1958, una Ford Thunderbird 390 coupè del 1963. Sarà presente anche una Indra Intermeccanica V8 futuristica auto cuneiforme del 1973.

«L'evento è impportante perché ADAC è una delle istituzioni più prestigiose all'interno del mondo tedesco - ha detto Maurizio Rossini, Ceo di Trentino Marketing - grazie ai suoi quasi 20 milioni di soci che si muovono in Germania, ma viaggiano molto anche verso il nostro paese. Questa partnership ci permette di dialogare con un mondo strategico per il nostro turismo, di avere il marchio Trentino su pubblicazioni che arrivano a milioni di cittadini tedeschi che attraverso queste iniziative hanno scoperto il nostro territorio».

Quello tedesco è il primo mercato straniero di riferimento per il Trentino con il 52,5% degli arrivi certificati. Nel semestre estivo 2016, da maggio ad ottobre, ha generato negli alberghi e nelle strutture complementari ben 555.664 arrivi e oltre 2 milioni di presenze, numeri in costante crescita se consideriamo che questo dato, nel 2011, si attestava a 1.600.000 presenze.

«Siamo felici di essere nuovamente ospiti di Trentino Marketing, perché è una collaborazione che portiamo avanti da molti anni e questo non sarebbe possibile senza un'organizzazione di alto livello come quella che abbiamo sempre trovato qui - ha spiegato Frank Reichert, responsabile della divisione Classic di ADAC - e siamo particolarmente lieti di partire da Molveno, località che conosciamo già bene, per l'ospitalità e l'offerta enogastronomica».

Daniel Moraitis, responsabile eventi della sezione Classic di ADAC, ha quindi illustrato le caratteristiche delle quattro tappe di questa edizione sottolineando in particolare come il Trentino, anche dopo quattordici anni, riesca sempre a offrire percorsi e location all'altezza di questa manifestazione.

«Il valore di questa manifestazione è notevole, ha quindi aggiunto Anna Rosa Donini, Presidente dell'APT Paganella Dolomiti di Brenta, perché offre un'ampia visibilità per il nostro ambito, dal lago alle Dolomiti di Brenta, tenuto conto che la Germania per noi è il primo mercato estero».

Si inizia lunedì 18 a Molveno con la passerella delle vetture partecipanti al concorso di eleganza in zona lungolago e quindi il prologo di 42 km valido per la Coppa Dekra, con partenza dal parcheggio della cabinovia, passaggio a Fai della Paganella e arrivo in centro a Molveno.

Il giorno successivo frazione di km 155 valida come Coppa Camp David per auto d'epoca con partenza dal lungolago di Molveno e un percorso che porterà i partecipanti attraverso il Banale, le Giudicarie inferiori fino a Tione quindi in Valle del Chiese fino a Storo per poi salire verso la Val di Ledro. Qui è previsto il tradizionale "Concorso di Eleganza", uno dei momenti clou dell’evento, che offre l'opportunità agli appassionati di vetture d’epoca di ammirare da vicino questi autentici gioielli della meccanica. Da qui la carovana proseguirà verso la conca di Riva del Garda, passando per Arco, risalendo la Valle dei Laghi per poi ritornare a Molveno attraverso il Limarò.

Mercoledì i territori protagonisti della Coppa Autostadt saranno le valli del Trentino occidentale. La Valle di Non dove è prevista una sosta a Mondo Melinda, la Val di Sole, quindi da Passo Carlo Magno scenderanno a Madonna di Campiglio, percorrendo in discesa tutta la Val Rendena fino a Tione, salendo ancora verso Passo Durone e quindi attraverso il Bleggio dirigersi verso il traguardo di Molveno dopo aver percorso 160 chilometri.

Gran finale giovedì 21 con la Coppa Autozeitung ClassicCars di 168 km: partenza sempre da Molveno, quindi attraverso il Bleggio e il Lomaso fino al Passo del Ballino e la successiva discesa verso "La busa". Un secondo passaggio da Arco prima di risalire verso Cavedine e la Valle dei Laghi per raggiungere Trento e successivamente Lavis, dove imboccheranno un tratto di Valle di Cembra fino a Ville di Giovo. Quindi la discesa nella Piana Rotaliana e l'arrivo sul traguardo finale di Molveno. Nella storia di questo duraturo legame tra Adac e Trentino, tra il 2004 e il 2016, ci sono stati circa 1.300 auto e 2.600 partecipanti.



Vedi anche ...

299 risultati

UNO SPAZIO TRENTINO NEL MUSEO DEL PAPA MONTANARO

Il santuario-museo Jana Pawla II di Cracovia è il più importante...

Presentato il palinsesto del primo Festival dello Sport

Organizzato da La Gazzetta dello Sport e Trentino è in programma...

A Madonna di Campiglio l’8a Conferenza Internazionale dei Geoparchi...

Dall’11 al 14 settembre, migliaia di delegati UNESCO provenienti da...

I Suoni si concludono con un messaggio di pace

L'evento E intanto si suona, ideato da Mario Brunello e Alessandro...

La musica, la guerra, la pace, un unico racconto corale e orchestrale

L’edizione 2018 del festival I Suoni delle Dolomiti si conclude in...

Dakhabrakha e le frontiere musicali d'Europa

Il penultimo appuntamento de I Suoni delle Dolomiti propone questo...

Gli azzurri del basket da sabato in ritiro a Pinzolo

Sono 15 gli atleti convocati nell’ambito turistico Madonna di...

Promozione dell'autunno al via

Natura, cultura ed enogastronomia al centro delle molte proposte,...

Teresa Salgueiro, quando i sogni diventano musica

Nella cornice di Camp Centener sopra Madonna di Campiglio l’artista...

Teresa Salgueiro, sogno e poesia tra le vette

A I Suoni delle Dolomiti ritorna un’artista che ha lasciato...

Un quartetto d'archi a duemila metri

In dieci giorni quattro grandi appuntamenti dedicati a generi tra...

Andrea Motis, nuova stella nel firmamento jazz

Oggi a Malga Tassulla la ventenne cantante, trombettista e...

Andrea Motis, tutto il talento di una nuova stella

Torna il grande jazz internazionale al festival I Suoni delle...

Grant Lee Phillips ispirato dalla natura trentina

Nel concerto per I Suoni delle Dolomiti a Malga Canvere in Val di...

Chitarra e sassofono per una musica senza confini

Sopra Passo San Pellegrino per I Suoni delle Dolomiti si esibiscono...

Grant - Lee Phillips musica tra sogno e poesia

Dopo il mito Graham Nash, I Suoni delle Dolomiti propongono un'altra...

UNO SPAZIO TRENTINO NEL MUSEO DEL PAPA MONTANARO

ven, 21.09.2018

Il santuario-museo Jana Pawla II di Cracovia è il più importante complesso al mondo dedicato alla figura e all’opera di San Giovanni Paolo II....

Leggi tutto ...

Presentato il palinsesto del primo Festival dello Sport

mer, 12.09.2018

Organizzato da La Gazzetta dello Sport e Trentino è in programma dall'11 al 14  ottobre a Trento. Tema della prima edizione: Il Record. Più di...

Leggi tutto ...

A Madonna di Campiglio l’8a Conferenza Internazionale dei Geoparchi...

gio, 06.09.2018

Dall’11 al 14 settembre, migliaia di delegati UNESCO provenienti da tutto il mondo si riuniranno per parlare di Geoparchi, ambiente e sviluppo...

Leggi tutto ...

I Suoni si concludono con un messaggio di pace

sab, 01.09.2018

L'evento E intanto si suona, ideato da Mario Brunello e Alessandro Baricco, ha chiuso l'edizione 2018 del festival e insieme un percorso di quattro...

Leggi tutto ...

La musica, la guerra, la pace, un unico racconto corale e orchestrale

mar, 28.08.2018

L’edizione 2018 del festival I Suoni delle Dolomiti si conclude in Valsugana ad Arte Sella con il progetto speciale “E intanto si suona”,...

Leggi tutto ...

Dakhabrakha e le frontiere musicali d'Europa

sab, 25.08.2018

Il penultimo appuntamento de I Suoni delle Dolomiti propone questo quartetto ucraino che ama definire quanto crea un ethno-chaos. In realtà si...

Leggi tutto ...

Gli azzurri del basket da sabato in ritiro a Pinzolo

ven, 24.08.2018

Sono 15 gli atleti convocati nell’ambito turistico Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena, nuova sede ufficiale del raduno estivo degli azzurri,...

Leggi tutto ...

Promozione dell'autunno al via

ven, 24.08.2018

Natura, cultura ed enogastronomia al centro delle molte proposte, costruite con le Apt di ambito e i Consorzi turistici, e volte a riconfermare un...

Leggi tutto ...

Teresa Salgueiro, quando i sogni diventano musica

ven, 24.08.2018

Nella cornice di Camp Centener sopra Madonna di Campiglio l’artista si è esibita per I Suoni delle Dolomiti in un intenso concerto nel quale ha...

Leggi tutto ...

Teresa Salgueiro, sogno e poesia tra le vette

mar, 21.08.2018

A I Suoni delle Dolomiti ritorna un’artista che ha lasciato impronte indelebili con la sua voce unica, sensibile e tessitrice di ambientazioni...

Leggi tutto ...

Un quartetto d'archi a duemila metri

lun, 20.08.2018

In dieci giorni quattro grandi appuntamenti dedicati a generi tra loro diversi per concludere il festival I Suoni delle Dolomiti. Mercoledì 22...

Leggi tutto ...

Andrea Motis, nuova stella nel firmamento jazz

lun, 20.08.2018

Oggi a Malga Tassulla la ventenne cantante, trombettista e compositrice catalana ha proposto ad un pubblico di oltre 1000 spettatori il proprio mondo...

Leggi tutto ...

Andrea Motis, tutto il talento di una nuova stella

mar, 14.08.2018

Torna il grande jazz internazionale al festival I Suoni delle Dolomiti grazie a questa ventenne cantante, trombettista e compositrice catalana che ha...

Leggi tutto ...

Grant Lee Phillips ispirato dalla natura trentina

mar, 07.08.2018

Nel concerto per I Suoni delle Dolomiti a Malga Canvere in Val di Fiemme il cantautore americano ha proposto al numeroso pubblico diversi brani del...

Leggi tutto ...

Chitarra e sassofono per una musica senza confini

mar, 07.08.2018

Sopra Passo San Pellegrino per I Suoni delle Dolomiti si esibiscono due artisti ungheresi che attingono al vasto patrimonio di tradizioni e storie...

Leggi tutto ...

Grant - Lee Phillips musica tra sogno e poesia

ven, 03.08.2018

Dopo il mito Graham Nash, I Suoni delle Dolomiti propongono un'altra stella della scena sonora americana e internazionale. Martedì 7 agosto a Malga...

Leggi tutto ...

Vacanza attiva inverno