Fedrizzi Elio Dist

Fedrizzi
Fedrizzi

Quando il sole, al mattino, scende dalle pendici del Brenta, e lentamente oltrepassando la gola del Noce, giunge sino a Toss, proiettando su quelle botti in rame la luce della storia del castello di Thun, rinasce nella mente affollata dai ricordi, l'immagine di Cesare Fedrizzi che agli inizi del secolo scorso, quando ancora l'Austria regnava sulla valle, con un permesso ricevuto in cambio di un'imposta che premiava i veloci e gli operosi, avviava un sogno, vendendo di Bacco il frutto più ambizioso.
Così iniziò, con lunga gavetta, anche il nipote Elio, che, alle porte degli anni '70, vide realizzarsi il sogno di una distilleria moderna, anche se di dimensioni consone alla conservazione di un metodo artigianale, discontinuo a bagnomaria, mai abbandonato, nemmeno quando il ritmo della odierna industria vorrebbe imporre un modello d'alambicco industriale e continuo.
La Distilleria Fedrizzi, ancora oggi, per opera di Stefano - aiutato sempre dal papà Elio e dalla mamma Agnese - erede di una così viva tradizione, assieme a poco più un centinaio di distillerie in tutta Italia, continua a produrre a bagnomaria la sua grappa originale, frutto di un metodo che, pur arricchito dalle più recenti tecnologie, mantiene nell'inconfondibile gusto il profumo della sua storia.