Gli ultimi e i primi: i fiori delle Dolomiti nei mesi freddi

Ecco come riconoscerli nelle tue passeggiate invernali

L’estate si chiude sui toni del porpora e del lilla. Gli ultimi raggi dorati che filtrano attraverso i fitti rami della faggeta illuminano nuvole di eleganti ciclamini che, con il loro dolce profumo, annunciano l’imminente chiusura dell’anno. In breve le temperature caleranno, i rami si svestiranno e i colori, che hanno acceso i mesi estivi, si spegneranno.

A conferire il colore ai fiori e, con loro, alle stagioni e agli ambienti naturali, sono sostanze chimiche, dette pigmenti, di definizione genetica ma la cui espressione e intensità è conseguenza anche del preciso mix di temperatura, quantità di minerali nel terreno e luce solare. Ogni stagione, ogni habitat, ogni annata qualche piccola differenza: delfinidina, cianina e peonidina sono i pigmenti del rosa, del porpora e del viola, mentre i carotenoidi sono responsabili del giallo. In nessuna stagione, infatti, la natura rinuncia a “vestirsi” di colori. Anche l’inverno, stagione del poco sole e scarsità di risorse, vuole clorofilla e flavonoidi, pigmenti che definiscono il verde e il bianco, in tinta con la neve.

I fiori sulle Dolomiti in inverno

Gli audaci petali che scorgiamo durante le passeggiate invernali sulle Dolomiti appartengono a fiori dalla temibile fama: gli ellebori. Il nome evoca la morte che provocano, se ingeriti: “cibo che uccide”, lo chiamavano infatti gli antichi a causa dell’elleborina contenuta nel loro fusto, potente veleno cardiaco. Si dice che un tempo queste piante fossero usate per curare la follia ma, se somministrate in dosi eccessive, causavano inevitabilmente la morte.

Helleborous niger, la stella di Natale, addobba prati montani, boschi di latifoglie e boscaglie fra dicembre e aprile. I petali di Helleborous viridis, l’elleboro verde, appaiono invece a febbraio nelle radure dei boschi o al loro limite e sono pallidi come la neve o verdi come la clorofilla di cui sono pieni. L’elleboro fetido (Helleborous foetidus), infine, è presente solo nelle Dolomiti trentine: ha fiori campanulati, di color verdastro con margini rossastri e, come dice il nome, possiede un odore sgradevole.

Ad annunciare l’arrivo della primavera è invece una bellezza più delicata, di color bianco latte come svela il suo nome: Galanthus nivalis, il bucaneve che nei boschi umidi, lungo i ruscelli, nei prati e nei boschi misti decidui rivela un imminente nuovo inizio.

I fiori vestono le Dolomiti come preziose gemme di colore, adeguandosi con forma, sfumature e strategie alle stagioni. Se volete approfondire la loro conoscenza, potete visitare uno dei tanti orti botanici presenti: in inverno, il luogo ideale e però il Giardino Botanico Alpino Viote di Monte Bondone, nei pressi di Trento, aperto su prenotazione

Pubblicato il 31/10/2019