Il Cervo di Vaia

Nei prati di Malga Millegrobbe un’altra opera di Marco Martalar

Un grande cervo di legna, dalle forme sinuose, primordiali e leggere, che si staglia con il suo palco tra le montagne del Trentino. Stiamo parlando del “Cervo di Vaia”, scultura in legno che si trova a 1.400 metri di quota, in località Millegrobbe sull’Alpe di Cimbra, a 2 km da Luserna. 

Cervo di Vaia | © App Mio Trentino

L’autore: Marco Martalar

Anche in questo caso, l’autore dell’opera è dello scultore Marco Martalar, autore nel 2021 del famoso Drago di Vaia, a cui ha fatto seguito, nel settembre del 2022 la grande Lupa del Lagorai

Per realizzare il Cervo di Vaia, lo scultore è partito dagli alberi distrutti dalla tempesta Vaia, che si è abbattuta sul Trentino nell’ottobre del 2018. Martalar ha ridato vita al legno raso al suolo da quella devastazione, realizzando un’opera d’arte fatta a mano, che cambia con il variare del tempo e delle stagioni. 

 

Dove si trova il Cervo di Vaia?

Il Cervo di Vaia si trova sui prati di Millegrobbe: pascoli verdi in estate, e manti bianchi dove ciaspolare o fare sci di fondo in inverno. Il Centro fondo di Millegrobbe infatti, con 35 km di piste, è sede della prestigiosa Millegrobbe, internazionale di gran fondo tra le più importanti d’Europa. 

Il Cervo di Vaia è visitabile liberamente ed è facilmente raggiungibile in auto, a pochi passi dal parcheggio della Malga Millegrobbe. Si trova a poco più di 12 km di distanza dal Drago alato di Vaia quindi, volendo, puoi vederli entrambi. 

Foresta dell'Eremo

Vaia

Il 29 ottobre del 2018 un vento uragano che ha superato in Trentino i 200 km/h ha ferito le nostre montagne. Un evento meteorologico estremo proveniente dall’Atlantico ha schiantato milioni di alberi, con la conseguente distruzione di decine di migliaia di ettari di foreste alpine.

La tempesta porta il nome di Vaia Jakobs, manager di una multinazionale tedesca. Il suo nome si è reso immortale dopo che suo fratello Skouras, nel 2017, per farle un regalo originale di Natale, lo regalò all’Istituto di Meterologia dell’Università di Berlino per poterlo assegnare in modo casuale a uno specifico evento.

Un gesto d’amore finito, ai dadi, sul tavolo sbagliato. Perché Vaia è un nome di pace e non di guerra, è quello delle foglie di palma che la folla agitò per accogliere il ritorno di Gesù a Gerusalemme, quello della Domenica delle palme.

Trentino Tree Agreement

... per ricostruire i boschi trentini dopo Vaia
scopri
Pubblicato il 12/10/2022