La Val di Non, non solo mele

Meleti Val di Non
Valle di Non
Meleti in Valle di Non
Formaggi Val di Non
Pascolo Val di Non

Questa valle è sicuramente la “patria” indiscussa della mela, e la visita al territorio non può che partire dal centro visitatori MondoMelinda dedicato a questo prodotto e al suo mondo, situato a Mollaro. Qui viene accolto chi vuole saperne di più sulla coltivazione e produzione di questo frutto simbolo del territorio.

Proseguendo in direzione di Cles si raggiunge l’abitato di Taio e quindi si sale al paese di Tres, dove è possibile visitare l’unica azienda che in valle produce il Sidro di mela. Da lì è poi possibile proseguire per Vervò e quindi per l’altopiano della Predaia, per scendere a Smarano e Coredo dove, nelle macellerie presenti in zona, è possibile conoscere i Val di Non metodi di lavorazione della Mortandèla, ma anche scoprire le numerose produzioni casearie nel locale caseificio. Non solo formaggi stagionati, ma anche ricotta, yogurt e dolci a base di latte appena munto.

Da Coredo si può scendere verso Cles e da qui dirigersi verso i paesi che si affacciano sul lago di Santa Giustina, dove si possono visitare alcune cantine produttrici di Groppello di Revò. Proseguendo dopo il paese di Cloz si attraversa l’abitato di Brez e in pochi minuti si arriva a Fondo, raggiungendo così l’alta Val di Non, zona caratterizzata da ampie praterie e ricchi pascoli e luogo storico di produzione del Trentingrana. Qui possiamo trovare anche dell’ottimo miele e qualche coltivazione di dolcissimi piccoli frutti, dai quali si ricavano succhi e confetture.