A ritmo lento, sull’Altopiano di Piné e in Valle di Cembra

5 esperienze sui laghi di Serraia e delle Piazze, da vivere al ritmo della natura

ESTATE - Torrenti, vigneti, borghi adagiati su pendii e due specchi d’acqua abbracciati da boschi e prati, per fermarsi a fare il bagno, dopo una passeggiata rilassante. A 974 metri di altitudine, sull’Altopiano di Piné, il Lago di Serraia e il Lago delle Piazze, sono la meta ideale per una vacanza a ritmo lento, per assaporare il silenzio e l’aria pulita della montagna. I due laghi, che vantano spiagge Bandiera Blu, sono contigui e collegati tra loro tramite un sentiero, che puoi percorrere a piedi, in MTB o persino a cavallo, magari con qualche pausa per ammirare il paesaggio.

Una vacanza su questi laghi diventa occasione per scoprire i sentieri nascosti della Valle di Cembra, un delizioso angolo di Trentino, a pochi chilometri da Trento e ai piedi delle Dolomiti. Sentieri che conducono a silenziosi santuari di montagna, attraversano terrazze di vigneti e si immergono in boschi rigogliosi, dove i pensieri trovano pace e i battiti del cuore si sincronizzano col ritmo perfetto della natura.

Sono tante le esperienze che puoi fare sull’Altopiano di Piné e in Valle di Cembra, te ne consigliamo 5, da vivere lentamente, per assaporarne ogni momento.

#1

Un bagno nei laghi Bandiera Blu

Acque limpide, servizi di qualità e sicurezza garantita dagli assistenti ai bagnanti. Ecco i motivi perché il Lago di Serraia e il Lago delle Piazze possono vantare spiagge Bandiera Blu, l’ambito riconoscimento conferito dalla FEE (Foundation for Environmental Education). A piedi o in e-bike, niente è più rilassante di una passeggiata sulle sue rive, per poi rinfrescarti con un bagno e stenderti sul prato, e fare il pieno di vitamina D.

#2

Alla scoperta di sentieri nascosti

Prima un picnic in riva al lago e poi, zaino in spalla, si va alla scoperta di sentieri fuori dai soliti itinerari (ma sempre ben segnalati). Puoi partire alla scoperta delle Canope, un tempo miniere di argento, o per vedere le curiose buche di ghiaccio vicine al Lago di Lases, o magari ammirare il Roccolo del Sauch, una costruzione vegetale di origine antichissima ora luogo perfetto per il birdwatching. Ti bastano gli scarponi ai piedi, uno zaino in spalla e tanta voglia di esplorare.

#3

Camminando tra storia, tradizione e spiritualità

Chiese decorate con affreschi di grande valore storico e artistico, santuari che per secoli sono stati meta di pellegrinaggio e borghi di montagna dove le tradizioni del Trentino sono più vive che mai. Scoprire la valle di Cembra è come aprire le pagine di un libro che racconta tante storie, come quella dei vignaioli, che hanno strappato la terra alla montagna, per produrre un vino che ha il sapore di un’impresa.

#4

Una storia anche da gustare

Dopo aver visto le terrazze coltivate a vigneto, non ti resta che assaporare il loro vino, in Valle di Cembra sono famosi per questo e per le rinomate grappe del territorio. Il consiglio è di accompagnarli con salumi e formaggi a chilometro zero. Puoi scegliere il gusto rustico di un agritur o quello romantico di un ristorante elegante, ma di sicuro non puoi andar via prima di aver partecipato ad una visita guidata in cantina con degustazione.

#5

Fermati e respira la natura

Anche decidere di fermarsi per guardarsi attorno, respirare l’aria fresca dei boschi e ascoltare i suoni della natura, è un’esperienza che in questa zona del Trentino ha un sapore speciale. Assaporare la quiete di piccoli e preziosi laghi, utilissimi all’equilibrio di flora e fauna o ricaricarti con l’energia della Cascata del Lupo che cade fra le rocce o del selvaggio fiume Avisio. Sono questi tesori nascosti che rendono unica la tua vacanza.

Pubblicato il 01/06/2020