Con il cane, tra i larici monumentali della Val di Rabbi

Una gita di grandi soddisfazioni tra giganti millenari della natura

Nel cuore del Parco nazionale dello Stelvio vivono 23 larici dalla storia eccezionale. Di età compresa tra i 250 e i 500 anni, hanno assunto nel tempo forme insolite e affascinanti come il Lares del Giulio, quello delle Aquile e il Solitario. Per celebrare questo loro carattere straordinario è stata creata una “scalinata”. Settecento gradini, realizzati con pietra locale, da salire, certo ma l’esperienza è di quelle che rimangono nel cuore.

La partenza è dal parcheggio Ramoni al Coler (1380m). Chi vuole risparmiare le proprie energie, nella stagione turistica può prendere la navetta; gli altri possono camminare fino a Malga Stablasol (1539m, 30 minuti circa) e da lì arrivare al Centro Visita Stablet, un museo dedicato alla marmotta. Da qui si imbocca il sentiero numero 106 fino al pascolo di prà Saent, dove inizia la scalinata: 200m di dislivello per 1.5km circa di lunghezza.

I quattrozampe sono animali entusiasti e saranno lieti di saltare di gradino in gradino; arrivati in cima, fornire loro acqua (e magari uno spuntino) sarà certamente cosa gradita.

Chi non vede ragioni per fermarsi, può proseguire fino al Rifugio Dorigoni (2436m) e godersi un ottimo pasto (prenotare allo 0463 985107); per il rientro si segue la strada percorsa all’andata.

Parco Nazionale dello Stelvio

Parco Nazionale dello Stelvio

A Pejo e Rabbi, nelle valli trentine del Parco nazionale dello Stelvio

Rete di Riserve Alto Noce | © Foto Archivio Apt Val di Sole

Rete di Riserve Alto Noce

Castelli, mulini e antiche tradizioni

Val di Rabbi

Val di Rabbi

Una delle valli alpine più suggestive, in parte inclusa nel...