I 5 consigli per chi va in alta montagna

Come vivere la montagna con i consigli di chi la ama e la conosce

Prudenza! Una parola che le donne e gli uomini che vivono e lavorano in montagna e per la montagna hanno molto a cuore. Racchiude tutto l’amore e la conoscenza di un ambiente, che richiede un approccio consapevole e prudente.

Ecco perché Dolomiti Unesco, l’Associazione gestori Rifugi del Trentino, la S.A.T. (Società Alpinisti Tridentini), il Soccorso Alpino e le Guide Alpine del Trentino hanno creato insieme il progetto ‘Prudenza in montagna’, che tra il 16 e il 25 giugno 2023 si concretizzerà in una settimana di uscite in quota e di incontri per promuovere un approccio prudente e consapevole alla montagna.

Sempre loro hanno realizzato dei vademecum, snelli e veloci, da leggere e imparare con facilità: 5 consigli per le attività di trekking, ferrata, arrampicata e alta montagna.

I 5 consigli che seguono sono rivolti a chi decide di salire in alta montagna.

Prudenza in montagna: i consigli per chi va in alta montagna

1. In alta montagna presta la massima attenzione

Sei in un ambiente unico e di particolare bellezza, che tuttavia presenta pericoli. Pensa sempre che lassù sei un ospite e che, prima di salire in alta montagna, devi conoscerne i tempi e le stagioni.

 

2. Porta con te l’attrezzatura adatta, ma non solo…

Oltre a mettere nello zaino il vestiario e l’attrezzatura adeguata all’escursione, ricorda di portare con te l’attenzione, l’esperienza e il giusto timore che può aiutarti in caso di imprevisto.

 

3. Calcola bene le ore di luce

Prima di partire, pianifica l’itinerario con il dovuto anticipo, in modo di avere a disposizione più ore di luce, calcolando anche un tempo di riserva che ti permetta pause e tempi di sosta adeguati alla tua preparazione.

 

4. Usa la corda

Per evitare rischiose scivolate sui nevai e ghiacciai usa la corda: è il tuo paracadute, assieme alla tua dotazione personale con imbrago, casco, picozza e ramponi.

 

5. Informa il rifugista della tua meta

Prima di partire comunica al rifugista la tua meta e, in caso di nebbia o cattivo tempo, torna sui tuoi passi. Se hai dubbi o se non sei preparato tecnicamente, affidati senza esitazioni ad una Guida Alpina.

Prudenza in montagna: i consigli per chi va in alta montagna
Pubblicato il 09/06/2023