Tra gallerie, trincee e musei, conosci il passato per un futuro di pace

Itinerari lungo il fronte trentino della Grande Guerra per unire contatto con la natura e memoria

Cento anni dopo, ripercorri i luoghi dove in migliaia persero la vita e la storia ha scritto una delle sue pagine più buie. La quiete delle montagne si è rimpadronita degli scenari naturali che hanno fatto da sfondo al dramma della Prima guerra mondiale e li restituisce oggi, come opportunità di conoscenza, immersione nella natura e riflessione sulla convivenza e la cooperazione fra i popoli.

Quei tragici eventi segnarono il Trentino, dai pendii dolci del lago di Garda alle cime delle Dolomiti fino ai ghiacciai perenni, attraversando anche le città più vicine a fronte dei combattimenti.

Il Sentiero della Pace ti conduce attraverso i circa 350 chilometri di fronte che percorrevano il territorio come una ferita, con la possibilità di visitare gallerie, trincee, campi di battaglia e fortilizi, oltre a una capillare rete di musei ricchi di testimonianze e documenti che restituiscono il contesto di allora. Un’esperienza che unisce la natura, il trekking e la memoria, toccasana per la mente.