Inedite emozioni tra i colori d’autunno in Trentino

Con Trentino Guest Card, interessanti agevolazioni ed esperienze per vivere l’autunno in Trentino

Tardi per le escursioni nelle lunghe giornate estive, presto per infilare sci e tuta da neve: ma l’autunno in Trentino è una stagione che offre occasioni e modi originali di trascorrere giornate piene di nuove esperienze, proprio quando la natura dà spettacolo con il foliage, i cieli tersi e i boschi silenziosi attraversati da sentieri sempre suggestivi, ma meno frequentati.

Ai possessori della Trentino Guest Card l’autunno riserva un interessante ventaglio di attività scontate o completamente gratuite per apprezzare questo territorio con uno spirito diverso rispetto alle stagioni più frequentate. Piacevoli escursioni nella natura alla scoperta di angoli inediti del Trentino o visite guidate per conoscere i segreti sotterranei delle città. E ancora, castelli e musei per fare il pieno di arte e cultura e approfondire la storia suggestiva del territorio. E per chi va in cerca dell’abbinamento perfetto fra relax e sapori, assaggi in cantina dei migliori prodotti vinicoli della regione.

Hydrotour Dolomiti

L’acqua è fonte di vita, ed è anche fonte di energia. Uno dei modi più puliti per produrre elettricità è proprio la forza naturale dell’acqua, e il Trentino, come sempre attento all’ecologia, è anche terra di centrali idroelettriche. Con Trentino Guest Card, le visite alla Centrale Santa Massenza e alla Centrale di Riva del Garda sono scontate del 40% sui biglietti adulti e sui pacchetti famiglia.

Vedi

Museo Pietra Viva

Un viaggio guidato dai simpatici gemelli Pallaoro, esperti di minerali a livello internazionale. Il museo offre esposizioni, esperienze sui minerali e la ricostruzione del più grande geode (cavità naturale nella roccia rivestita di cristalli) rinvenuto dai due fratelli. I metalli raccontano la storia della valle del Fersina, con spunti su pratiche dell'età del rame, usanze e stili di vita tipici.

Vedi

Trento sotterranea

Sotto al centro storico di Trento, ecco l’antica Tridentum romana. Duemila anni di storia, 1.700 mq di ricostruzione degli spazi pubblici e privati, delle strade e dei mosaici della splendida antenata di Trento. Un’altra suggestiva sorpresa del sottosuolo è la Basilica Paleocristiana di San Vigilio, sotto l’omonima cattedrale odierna, edificio di passaggio dalla Trento antica a quella medievale

Vedi

Canyon Rio Sass

Fondo, capoluogo dell’Alta Valle di Non, è tagliato in due da un canyon spettacolare. Visitalo con un percorso di passerelle a sbalzo e scale, caschetto e mantellina impermeabile forniti dalla guida. Due ore di pura emozione pura su un percorso sicuro di 1.200 metri che ti donerà una visuale unica sullo spettacolo del canyon naturale. Prenotazione obbligatoria: clicca e scopri come fare.

Vedi

Castel Stenico

Dal profilo austero ed elegante, il castello è stato un possedimento dei Principi Vescovi di Trento dal XII secolo e sede del capitano che amministrava il territorio circostante. Fuori dai circuiti tradizionali di visita, Castel Stenico è vicino alle Terme di Comano, e nel suo circondario si svolgono feste enogastronomici a base di invitanti prodotti locali come la “ciuìga”, le patate, le noci.

Vedi

Visita a una cantina Trentodoc

Perfettamente inserite nel morbido paesaggio di vigneti della Piana Rotaliana, le Cantine Rotari aprono i propri locali, dove botti e barriques raccontano la vocazione di questa terra. La visita percorre la storia del Rotari TrentoDoc, con degustazione finale di due vini abbinati a prodotti tipici trentini.

Scopri