Per il Trentino la sicurezza è al primo posto

In questa sezione potrai approfondire tutte le misure adottate dai nostri operatori e fornitori di servizi turistici per tutelare te e i tuoi cari.

Molveno, in volo sopra il lago 

Nicola Donini è un pilota esperto di parapendio  

Figlio d’arte, Nicola Donini, classe 1996, aveva solo 17 anni quando è diventato Campione italiano di Parapendio: il più giovane di sempre in entrambe le discipline (acrobatico e velocità). Tra una competizione e un allenamento, ora accompagna le persone in volo sul lago di Molveno e sopra le Dolomiti di Brenta.

Quella di Nicola è una famiglia “con le ali”: sia padre che figlio sono campioni di parapendio, il padre Luca Donini è infatti diventati Campione del mondo nel 2001 e nel 2016 entrambi sono diventati campioni italiani ex equo. La velocità è ciò che accomuna entrambi, caratteristica fondamentale nelle competizioni di cross country, dove a vincere è chi arriva primo. “Per vincere servono testa e strategia – afferma Nicola – il fisico non basta, bisogna commettere meno errori possibili”. Per le gare di acrobazia, invece, è richiesta molta precisione: più spettacolare è l’acrobazia, più si ottengono punti.

I laghi del Trentino: la storia di Nicola Donini, pilota di parapendio

"Volare ti porta
in un'altra dimensione"

Nicola aveva solo 3 anni quando il padre lo portò a volare per la prima volta in tandem. Crescendo il passatempo di Nicola era staccarsi in volo, solo qualche metro, sulla spiaggia di Molveno, finchè “a 11 anni ho fatto il primo volo alto da solo - aggiunge Nicola - la vista del lago e delle montagne è incredibile. Da lassù è tutto più spettacolare”.

I laghi del Trentino: la storia di Nicola Donini, pilota di parapendio

Nicola aveva solo
3 anni quando il padre lo portò a volare per la
prima volta 

Per lanciarsi con il parapendio ci vuole una buona dose di coraggio, ma Nicola e Luca sanno sono piloti esperti e sanno “domare” anche le emozioni di chi vola con loro e conoscono a menadito il cielo sopra Molveno.

Di solito, lo scalino più impegnativo è superare la fase di decollo. Bisogna affidarsi al pilota e correre veloci in discesa, ma una volta staccati i piedi da terra è tutto diverso. “Avere paura e un po’ di vertigini all’inizio è normale – conclude Nicola – ma quando si corre e ci si alza in volo, passa tutto: volare ti porta in un’altra dimensione”.

Pubblicato il 27/11/2021