Le fioriture spontanee nei prati 

In primavera si possono ammirare diverse specie di fiori selvatici in Trentino 

Ci sono due cose che annunciano l’arrivo della primavera: il canto di rondoni e il colore dei fiori che esplode su valli e montagne. In Trentino, i prati da sfalcio in ambiente montano diventano – in questa stagione - particolarmente ricchi di specie di fiori diverse, che cambiano a seconda del periodo e dell’altitudine.

Addio al freddo, dunque! Immergiamoci nelle belle giornate primaverili inseguendo le fioriture spontanee del Trentino. Per sapere come, dove e quando, ecco una piccola guida con mappa inclusa.  

Consulta la mappa con le fioriture spontanee in Trentino.

DA METÀ APRILE A FINE MAGGIO, A QUOTA 500 METRI

Dove?
Sulle aree collinari, vicino alle coltivazioni intensive di frutteti e vigneti. Ti consigliamo, in Trentino, le zone della Valle del Chiese, della Val di Gresta, di Terlago e della Bassa Valsugana.

Quali fiori?
Tra le specie più conosciute, si può assistere alla fioritura del Trifoglio, dell’Orchidea spontanea e del Timo.

DA METÀ MAGGIO A METÀ GIUGNO, FINO A MILLE METRI DI QUOTA

Dove?
Negli ambienti di bassa montagna, come in val di Ledro, nel Bleggio, Banale, in Paganella, in Valfloriana e in val di Cembra, oltre che in Primiero nelle zone di Canal San Bovo, Fiera di Primiero, Mezzano e Sagron Mis.

Quali fiori?
In primavera inoltrata, si può assistere alla fioritura di Margherite, Ranuncoli, Salvia, Achillea, Giglio rosso e Campanula. 

DA FINE MAGGIO A FINE GIUGNO, FRA I 1.000 E I 1.500 METRI

Dove?
Nei prati montani degli altipiani prealpini e delle valli centro settentrionali del Trentino, soprattutto in Vallarsa, val Breguzzo, Rabbi, Pejo, Andalo, Val Campelle e Calamento, oltre che a Cavalese, in Val di Fassa in generale e in Val Canali.

Quali fiori?
A questa quota crescono la Gramigna bionda, il Trifoglio, il Geranio selvatico, il Ginestrino e il Tarassaco.

DA METÀ GIUGNO A FINE LUGLIO, SOPRA I 1.500 METRI

Dove?
Nei prati da pascolo, in quota, come a Storo, nelle Viote del Bondone, Passo del Tonale, Monte Peller, Bellamonte di Predazzo, Alta Val di Fassa e laterali, Val Noana, san Martino di Castrozza e dintorni.

Quali fiori?
Tra le specie più frequenti troviamo: il Botton d’Oro, il Giglio Bianco, Raponzolo, il Giglio martagone, i Ranuncoli bianchi e la Genzianella.