Sulle orme di Dürer, in compagnia di un quattrozampe

Venti km di storia e bosco antico, da vivere con il proprio cane

Questo splendido sentiero prende il nome da Albrecht Dürer, celeberrimo pittore del rinascimento tedesco, che nel 1494 intraprese il suo prima viaggio in Italia. La Valle dell’Adige era inagibile a causa di una rovinosa esondazione; e a lui, diretto a Venezia, non rimase che cercare una via alternativa che lo portasse a sud. Oggi quel percorso, che attraversa la Valle di Cembra, conserva intatta la sua magia; e se gli umani lo apprezzeranno per il paesaggio e le memorie storiche, i quattrozampe non potranno che godersi il verde e i profumi di una passeggiata nei boschi.

Per gustare appieno l’itinerario è consigliabile prendersi l’intera giornata. Si tratta di 20 km più che gestibili, con un dislivello totale di 400 metri in salita e 500 in discesa.

Se si parte dai Pochi di Salorno, si devono seguire le indicazioni per il passo del Sauch (915m), e da lì proseguire verso lo splendido lago Santo. I nostri quattrozampe devono sempre stare al guinzaglio, ma in questo suggestivo specchio d’acqua non esistono divieti di balneazione. Il percorso prosegue sull’E5 per toccare poi i paesi di Cembra e Faver. L’ultimo tratto porta al castello di Segonzano, ritratto proprio dal Dürer in un acquerello, e alle note piramidi di terra. Portare acqua e cibo anche per il proprio amico cane è sempre un’ottima idea.

Castello di Segonzano

Castello di Segonzano

I ruderi del Castello di Segonzano spuntano da una rupe porfirica...

Lago Santo

Lago Santo

Di origine glaciale, il lago Santo nasce da una leggenda ed è...

RRiserve_Alta_Val_di_Cembra_Lago di Valda_foto_Elisa_Travaglia | © RRiserve_Alta_Val_di_Cembra_Lago di Valda_foto_Elisa_Travaglia

Rete di Riserve Cembra – Avisio

Natura integra e selvaggia