Vivi la natura con gli sci di scialpinismo

5 percorsi per scoprire le cime più panoramiche

Lontano dalla confusione delle piste, dagli impianti di risalita e dalle seggiovie: questo è il regno degli scialpinisti. La più classica e antica disciplina della montagna invernale trova, in Trentino, un luogo ideale per sperimentare un’emozione duplice: prima si sale la montagna, passo dopo passo, ammirando natura e paesaggi, e poi si scende nella neve fresca, gustandosi fino in fondo l’adrenalina che regala il freeride. Più che uno sport, è uno stile di vita: gli scialpinisti si godono le discese solo dopo essersele conquistate. Si tratta di uno sport che richiede una certa prudenza ed esperienza: meglio farsi accompagnare da esperte guide alpine e sempre con Artva, sonda e pala.
Abbiamo individuato 5 itinerari adatti a tutti, che si caratterizzano per i panorami spettacolari che si ammirano in vetta.

Monte Sole: panoramico itinerario sulla val di Rabbi

Itinerario scialpinistico con difficoltà contenute e un dislivello sotto i mille metri E’ un percorso assai frequentato e ritenuto abbastanza sicuro per via delle modeste pendenze. Quasi tutto il percorso è in comune con quello per il vicino, ma più alto in quota, Monte Villar. 

Vedi

Passo 5 Croci: il fascino della Val Campelle

Salire al Passo 5 Croci durante la stagione invernale con gli sci d’alpinismo può rivelarsi un’escursione entusiasmante. La strada, in salita ma senza pendenze particolari, si inoltra dapprima in un bosco di abeti, per poi superare il limite della vegetazione e aprirsi sul Lagorai. 

Vedi

Cima Juribrutto: di fronte alle Pale di San Martino

Escursione in uno dei paesaggi più belli delle Dolomiti: si raggiunge Cima Juribrutto partendo da Malga Vallazza, sulla strada per Passo Valles nel parco di Pavaneggio-Pale di S. Martino. Le pendenze omogenee rendono il tracciato adatto agli sciatori poco allenati.

Vedi

Cornetto di Folgaria: un classico del Trentino meridionale 

La salita al Cornetto di Folgaria, uno dei percorsi più classici del Trentino meridionale, si rivela omogenea e continua, ideale anche per gli scialpinisti meno allenati. Il percorso si snoda prevalentemente su terreno aperto e, nella parte alta, segue in prevalenza piste da sci in disuso.

Vedi

Val Gelada: un must della Val Rendena

Una classica scialpinistica della Val Rendena rappresenta l’itinerario più gettonato di Madonna di Campiglio. La sua esposizione, i pendii con pendenze omogenee e senza vegetazione, assieme al fatto che sia sempre tracciato, fanno di questo percorso un “must” per tutti gli scialpinisti. 

Vedi