Le piste nere del Trentino

Dove sfidare "il meraviglioso", scopri le piste per sciatori esperti nel Trentino Orientale

Il grande carosello sciistico immerso in un panorama fra i più affascinanti, patrimonio dell'Unesco. Ecco perché qui le piste nere sono esperienze uniche: facili da raggiungere grazie a modernissimi impianti di risalita, emozionanti fino a togliere il fiato durante le discese, indimenticabili per gli spettacolari scenari che le circondano.

Scopri le piste nere nel Trentino Occidentale

Skiarea Val di Fassa – Nel cuore della Valle

La nera Ciampac ad Alba di Canazei, larga ben 40 metri, è un volo di 3 km in un succedersi di muri da brivido. La Diego a Canazei è un fuoripista tecnico e veloce; da quota 2237 si affrontano 303 metri di dislivello. La Vulcano, a Buffaure (Pozza di Fassa) deve il suo nome “esplosivo” ai 2200 metri di lunghezza, un dislivello di ben 566 metri e pendenze fino al 58%. Sulla nera "Tomba" a Ciampedìe (Vigo di Fassa) per anni si è allenato il campionissimo azzurro: in appena un km, 300 metri di dislivello e pendenze fino al 59% . 

Skiarea Val di Fassa - Sulla corona delle cime

Il muro iniziale della nera Piavac ad Alpe di Lusia (Moena) parte da quota 2194 ed è ritenuto tra i più ripidi delle Dolomiti: in 1310 metri copre un dislivello di 430. La nera Col Margherita a Passo San Pellegrino spicca il volo da quota 2500. Dopo un avvio facile, nel bosco, cominciano i muri impegnativi e i curvoni. La Prà di Tori, a Carezza (Vigo di Fassa - Passo Costalunga) ospita da alcuni anni una gara di Coppa del Mondo di snowboard; lunga 3480 metri con un dislivello di 300, può essere percorsa tutta d’un fiato fino al valico. 

Skiarea Val di Fiemme

Olimpia, sette chilometri e mezzo da leggenda: è la pista nera della Skiarea Alpe Cermis, dove sembra di volare sui paesi della valle, vicinissimi e comodi per il meritato di riposo. E poi la Pala di Santa a Pampeago, nella Skiarea Latemar, da dove ammirare molte fra le più belle cime delle Dolomiti, come appunto il Latemar, ma anche il Catinaccio, il Sasso Piatto,il Massiccio del Sella, la Marmolada e le Pale di San Martino. Muro da brivido e boschetti da sogno, con intorno tanti rifugi per magnifiche soste.

Skiarea San Martino di Castrozza - Passo Rolle

La nera Tognola Uno è stata definita una delle dodici piste più belle delle Dolomiti. Si snoda per quasi tre chilometri tra i boschi dell’Alpe Tognola, proprio di fronte alle spettacolari Pale di San Martino e, guardando verso Passo Rolle, al cospetto dell'imponente Marmolada, con lo sguardo che spazia fino alle Dolomiti del Trentino, alla catena del Lagorai con Cima d’Asta, alle Dolomiti del Veneto. È una pista ampia e tecnica, con diversi cambi di pendenza e direzione, per poi raggiungere il tratto finale, letteralmente mozzafiato.