Grotta Aladino - Val di Daone

Due chilometri di galleria per una profondità di 350 metri. La grotta appare splendida per le sue forme regolari e per lo sviluppo

Perle Calcaree - Grotta di Aladino

PARTENZA: quota 1995 metri
LOCALITA´: margine della valle che dal Lago di Casinei, in Val di Daone scende nei pressi dell´omonima valle.

Due chilometri di galleria per una profondità di 350 metri. La grotta, splendida per le sue forme regolari e per lo sviluppo, appare nella sua complessità come articolata e solo apparentemente logica. La grotta si presenta con una sala di crollo in cui confluiscono le due principali gallerie iniziali. In questo punto, una condotta inclinata porta sul primo della sequenza dei pozzetti intervallati da tratti di meandro; incrociamo, a meno di duecento metri, la prima galleria di discrete dimensioni. Un salto da 15m., poi uno da 35 metri circa, e si raggiunge un importante piano di gallerie: ancora un pozzo di una ventina di metri circa, seguendo il percorso del torrente "Jaffar", la cui portata risulta molto variabile a seconda del periodo. Gallerie, altissimi meandri dove la progressione avviene ora con difficili passaggi, ora camminando comodamante, fino al pozzo "Babilonia", 30 metri di verticale a perpendicolo sull´ attivo. Occorre ancora scegliere un percorso comodo per evitare di entrare in acqua, e nella sala "Ali Babà" splendide concrezioni illuminano il buio alla luce fioca dell´ acetilene. Scendendo il ripido dislivello degli "Scivoli magici", sospesi sul rombo di un´ enorme cascata, a sinistra è possibile avvicinarsi alla stessa, mentre proseguendo diritti si entra nel "Ramo dei tappeti volanti", mezzo chilometro di condotte.