Per l'omaggio a De Andrè in 2500 con Neri Marcorè

Atmosfera di autentica festa per il concerto di apertura dei “Suoni”. La coinvolgente esibizione dell’attore marchigiano accompagnato da Gnu Quartet ha entusiasmato il pubblico salito numeroso, nonostante le nuvole basse, fino al grande prato di Jonta in Val San Nicolò

Duemilacinquecento persone circa, decine di colori diversi, una lunga colonna di camminatori ha risalito allegra la Val San Nicolò per raggiungere la conca di Jonta in Val di Fassa. Un'ora e mezza di cammino che non ha smorzato gli animi né l'entusiasmo a giudicare dal calore con cui hanno accolto Neri Marcorè, la sua band, lo Gnu Quartet e le due vocalist per questo primo appuntamento de I Suoni delle Dolomiti. Nemmeno le nubi basse e qualche goccia caduta durante l'esibizione hanno cambiato l'atmosfera di festa che si respirava in questo concerto.

Neri Marcorè ha quasi voluto farsi interprete del pensiero di tutti dicendo "siete saliti in tanti per De André", ed infatti i brani di questo omaggio al cantautore genovese sono stati accolti da applausi, richieste, e seguiti con grande attenzione anche perché, va detto, l'interpretazione di Marcorè e compagni è stata molto bella e coinvolgente.

Tante canzoni, per un viaggio che da un lato è parso molto personale - quello dell'attore marchigiano - e dall'altro parte comune di tutti. Non è facile spiegarsi l'amore trasversale che in tutta Italia e a ogni livello si prova per il cantautore genovese, specialmente in un'epoca che predilige una musica fatta di cose facili e preconfezionate, ma basta assistere a un concerto come questo per capire che nei testi impegnati, nei versi da interpretare, nella ricca fusione di sonorità della più diversa provenienza tutti un po' si riconoscono e un po' cercano se stessi. E tra le Dolomiti da raggiungere con fatica e pazienza ciò è sembrato più reale che mai.

Sin dal primo brano, "Fiume Sand Creek" introdotto da un lungo movimento d'archi, seguito poi da un altro pezzo scritto in coppia con Massimo Bubola "Se ti facessero a pezzetti" si è potuto riconoscere alcuni temi forti come l'attenzione agli ultimi, l'immedesimazione nei personaggi che dalla storia non hanno avuto voce e la capacità di raccontare il Belpaese anche in modo scomodo. L'estate un po' amara di "Rimini" ha lasciato il posto alle sonorità etniche di “Princesa” e alla splendida "Khorakahne" tratta da Anime Salve e che racchiude la visione di giustizia che animava De Andrè. Tutto ritmo e atmosfere napoletane è poi arrivato il brano "Don Raffè" mentre l'amore nelle sue mille accezioni, con le sue ombre, le sue cose irrisolte ma anche i sogni ha fatto capolino in "Hotel Supramonte" per poi proseguire sulle note di "Bocca di Rosa" e la splendida "Amore vieni", proposta durante il bis.

Prima della fine non sono mancati la ritmica "Quello che non ho", "Le acciughe fanno il pallone", "Megu Megun" e "Dolcenera" e non poteva ovviamente mancare il brano di ambientazione trentina e di guerra "Andrea" così come l'indimenticata "Creuza de Ma".

Tanti alla conclusione dell'esibizione gli applausi e tanto il calore da parte di un pubblico che ha letteralmente accerchiato Neri Marcorè per salutarlo, chiedere autografi e complimentarsi.

Le immagini video del concerto saranno disponibili in serata sulla piattaforma www.broadcaster.it



Vedi anche ...

94 risultati

I Suoni si concludono con un messaggio di pace

L'evento E intanto si suona, ideato da Mario Brunello e Alessandro...

La musica, la guerra, la pace, un unico racconto corale e orchestrale

L’edizione 2018 del festival I Suoni delle Dolomiti si conclude in...

Dakhabrakha e le frontiere musicali d'Europa

Il penultimo appuntamento de I Suoni delle Dolomiti propone questo...

Teresa Salgueiro, quando i sogni diventano musica

Nella cornice di Camp Centener sopra Madonna di Campiglio l’artista...

Teresa Salgueiro, sogno e poesia tra le vette

A I Suoni delle Dolomiti ritorna un’artista che ha lasciato...

Un quartetto d'archi a duemila metri

In dieci giorni quattro grandi appuntamenti dedicati a generi tra...

Andrea Motis, nuova stella nel firmamento jazz

Oggi a Malga Tassulla la ventenne cantante, trombettista e...

Andrea Motis, tutto il talento di una nuova stella

Torna il grande jazz internazionale al festival I Suoni delle...

Grant Lee Phillips ispirato dalla natura trentina

Nel concerto per I Suoni delle Dolomiti a Malga Canvere in Val di...

Chitarra e sassofono per una musica senza confini

Sopra Passo San Pellegrino per I Suoni delle Dolomiti si esibiscono...

Grant - Lee Phillips musica tra sogno e poesia

Dopo il mito Graham Nash, I Suoni delle Dolomiti propongono un'altra...

Omaggio ad una leggenda della canzone d'autore

“Pensieri e Parole. Omaggio a Lucio Battisti” è il titolo del...

Vision String Quartet, sperimentazioni in quota

I quattro giovani musicisti tedeschi hanno dato vita in pochi anni ad...

Fresu e Musega de Poza, magico incontro in quota

In cinquemila oggi ai piedi della Roda di Vaèl nel Gruppo del...

L'omaggio di Ginevra Di Marco a Mercedes Sosa

Un concerto particolarmente intenso quello proposto oggi in Paganella...

Se il jazz incontra la tradizione musicale alpina

Da un lato una stella internazionale del jazz e grande interprete...

I Suoni si concludono con un messaggio di pace

sab, 01.09.2018

L'evento E intanto si suona, ideato da Mario Brunello e Alessandro Baricco, ha chiuso l'edizione 2018 del festival e insieme un percorso di quattro...

Leggi tutto ...

La musica, la guerra, la pace, un unico racconto corale e orchestrale

mar, 28.08.2018

L’edizione 2018 del festival I Suoni delle Dolomiti si conclude in Valsugana ad Arte Sella con il progetto speciale “E intanto si suona”,...

Leggi tutto ...

Dakhabrakha e le frontiere musicali d'Europa

sab, 25.08.2018

Il penultimo appuntamento de I Suoni delle Dolomiti propone questo quartetto ucraino che ama definire quanto crea un ethno-chaos. In realtà si...

Leggi tutto ...

Teresa Salgueiro, quando i sogni diventano musica

ven, 24.08.2018

Nella cornice di Camp Centener sopra Madonna di Campiglio l’artista si è esibita per I Suoni delle Dolomiti in un intenso concerto nel quale ha...

Leggi tutto ...

Teresa Salgueiro, sogno e poesia tra le vette

mar, 21.08.2018

A I Suoni delle Dolomiti ritorna un’artista che ha lasciato impronte indelebili con la sua voce unica, sensibile e tessitrice di ambientazioni...

Leggi tutto ...

Un quartetto d'archi a duemila metri

lun, 20.08.2018

In dieci giorni quattro grandi appuntamenti dedicati a generi tra loro diversi per concludere il festival I Suoni delle Dolomiti. Mercoledì 22...

Leggi tutto ...

Andrea Motis, nuova stella nel firmamento jazz

lun, 20.08.2018

Oggi a Malga Tassulla la ventenne cantante, trombettista e compositrice catalana ha proposto ad un pubblico di oltre 1000 spettatori il proprio mondo...

Leggi tutto ...

Andrea Motis, tutto il talento di una nuova stella

mar, 14.08.2018

Torna il grande jazz internazionale al festival I Suoni delle Dolomiti grazie a questa ventenne cantante, trombettista e compositrice catalana che ha...

Leggi tutto ...

Grant Lee Phillips ispirato dalla natura trentina

mar, 07.08.2018

Nel concerto per I Suoni delle Dolomiti a Malga Canvere in Val di Fiemme il cantautore americano ha proposto al numeroso pubblico diversi brani del...

Leggi tutto ...

Chitarra e sassofono per una musica senza confini

mar, 07.08.2018

Sopra Passo San Pellegrino per I Suoni delle Dolomiti si esibiscono due artisti ungheresi che attingono al vasto patrimonio di tradizioni e storie...

Leggi tutto ...

Grant - Lee Phillips musica tra sogno e poesia

ven, 03.08.2018

Dopo il mito Graham Nash, I Suoni delle Dolomiti propongono un'altra stella della scena sonora americana e internazionale. Martedì 7 agosto a Malga...

Leggi tutto ...

Omaggio ad una leggenda della canzone d'autore

mer, 01.08.2018

“Pensieri e Parole. Omaggio a Lucio Battisti” è il titolo del progetto che viene proposto al festival I Suoni delle Dolomiti da Peppe Servillo...

Leggi tutto ...

Vision String Quartet, sperimentazioni in quota

lun, 30.07.2018

I quattro giovani musicisti tedeschi hanno dato vita in pochi anni ad uno dei più raffinati ensemble emergenti. Muovendosi tra composizioni...

Leggi tutto ...

Fresu e Musega de Poza, magico incontro in quota

dom, 29.07.2018

In cinquemila oggi ai piedi della Roda di Vaèl nel Gruppo del Catinaccio. In questo anfiteatro naturale che ha risposto a ogni suono con una leggera...

Leggi tutto ...

L'omaggio di Ginevra Di Marco a Mercedes Sosa

ven, 27.07.2018

Un concerto particolarmente intenso quello proposto oggi in Paganella a I Suoni delle Dolomiti per raccontare con le note la vita della celebre...

Leggi tutto ...

Se il jazz incontra la tradizione musicale alpina

gio, 26.07.2018

Da un lato una stella internazionale del jazz e grande interprete della tromba e del flicorno come Paolo Fresu. Dall'altro la Musega de Poza, una...

Leggi tutto ...

I Suoni delle Dolomiti