Il violoncello del grande Mischa Maisky

Mercoledì 20 al rifugio Rosetta “G. Pedrotti” nelle Pale di San Martino. Il grande musicista lettone proporrà al pubblico un viaggio nella terza e nella quinta Suite di Johann Sebastian Bach. «L’ho scelto perché questo autore è perfetto per un evento del genere»

Dopo il jazz, la canzone d'autore, la world music, sulle Dolomiti torna la musica classica, un genere sempre più amato e seguito dal pubblico e in grado di trovare nel rapporto con la natura nuove forme e vitalità. Sulle Pale di San Martino, al rifugio Rosetta “G. Pedrotti”, mercoledì 20 luglio (ore 13) si esibisce un grandissimo violoncellista come Mischa Maisky.

“Non so ancora bene cosa aspettarmi da questa esperienza, per me sicuramente inusuale. Ma sono un tipo aperto alle novità e sono quindi molto curioso di poterla vivere”, afferma il celebre musicista lettone, vincitore nel 1966 del prestigiosissimo concorso Čajkovskij e da allora protagonista di una brillante carriera concertistica che lo ha portato a suonare in tutto il mondo, ovunque apprezzato per la sua versatilità stilistica.

Maisky è nato a Riga in Lettonia poco dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Finiti gli studi cittadini è entrato nel Conservatorio di Leningrado e dopo aver vinto nel 1966 il Čajkovskij ha proseguito gli studi al Conservatorio di Mosca. Il suo debutto con l'Orchestra Philarmonica di Leningrado avvenne a soli 17 anni e ben presto si guadagnò il nomignolo di "futuro Rostropovich”.

Maisky è emigrato in Israele a inizio degli anni Settanta dopo aver ottenuto la cittadinanza; dopo di allora la sua carriera l'ha portato in varie parti del mondo: nel 1973 ha vinto il concorso Gaspar Cassado di Firenze quindi ha suonato con la Pittsburg Symphony Orchestra diretta da William Steinberg per diventare successivamente allievo di Gregor Piatigorsky a Los Angeles.

Nella sua lunga attività, il violoncellista lettone ha potuto lavorare a lungo con artisti del calibro di Martha Agerich, Radu Lupu, Sergio Tiempo, Gidon Kremer oltre a direttori come Leonard Bernstein, Zubin Mehta, Vladimir Ashkenazy, Daniel Barenboim, Giuseppe Sinopoli.

Numerose anche le sue incisioni – oltre cinquanta – di cui molte con le più importanti orchestre del mondo dalla Vienna Philarmonic alla Berlin Philarmonic passando per la London Symphony Orchestra, l'Orchestre de Paris e molte altre. Tra i compositori a cui ha prestato la proprie tecnica e interpretazione raggiungendo vette assolute ci sono Bach, Joseph Haydn, Brahms, Beethoven, Rachmaninoff – solo citandone alcuni – e quello che attenderà gli ascoltatori sulle Pale di San Martino, a San Martino di Castrozza, sarà sicuramente una esperienza indimenticabile con un viaggio nella terza e nella quinta Suite per Violoncello di Johann Sebastian Bach.

“Credo che Bach sia perfetto per un evento del genere. Peraltro, la musica di Bach si adatta a qualsiasi situazione o contesto ambientale, che sia una chiesa, un teatro, una sala da concerto o, appunto, un rifugio di montagna. È la musica più universale che possa esserci! Non ha limiti!”, ha detto Maisky. “Sarà anche molto interessante verificare la reazione degli ascoltatori. Di solito il rapporto fra musicista e pubblico cambia a seconda dell’acustica del luogo e dell’ispirazione dello stesso musicista. Credo che suonare in mezzo alla natura possa dar vita a un’interazione particolare. Non vedo l’ora di poterla constatare di persona”.

In una dichiarazione di alcuni anni fa al quotidiano La Repubblica, Maisky ha inoltre raccontato del proprio strumento e del legame con Bach: “Io suono Bach su uno strumento originale! Il mio è un violoncello Montagnana costruito a Venezia proprio negli stessi anni in cui Bach scriveva le sue Suites”.

Come raggiungere il luogo del concerto
Il Rifugio Rosetta “G. Pedrotti” a 2.581 metri di quota si raggiunge da San Martino di Castrozza con gli impianti Colverde-Rosetta e poi a piedi minuti 15 di cammino, dislivello in discesa 60 metri, difficoltà E.

L’escursione
In occasione dell'evento è possibile partecipare a una escursione con le Guide Alpine, verso la Forcella di Miel di ore 3.30 di cammino, dislivello 350 metri, difficoltà E. L'escursione è gratuita e su prenotazione telefonando al numero 0439 768795 dalle 17 alle 18.30.

In caso di maltempo si recupera alle ore 21 all'Auditorium Intercomunale di Primiero.

Informazioni:

0439 768867
www.sanmartino.com



Vedi anche ...

183 risultati

Festival dello Sport: il mondo della Moda presente con Remo Ruffini e...

A due settimane esatte dall'avvio del Festival dello Sport 2019...

"Sanctuary": la serie tv girata in Trentino sarà trasmessa in sei...

Collaborazioni internazionali per Trentino Film Commission

I Suoni delle Dolomiti salutano il pubblico sotto le Pale di San...

Malika Ayane canta per oltre settemila persone

Per i Suoni finale con Penguin Cafe e Malika Ayane

La 25° edizione del Festival musicale in quota si conclude con due...

La cultura musicale dell'Africa tra le Dolomiti

I Chesaba sono un trio tutto ritmo, energia e creatività. Al...

Russian Renaissance, un viaggio nell'anima russa

Ai Suoni delle Dolomiti un gruppo rivelazione che è stato capace di...

Gran finale con Yamandu Costa e Comunicato Samba

Alla Special Week di Madonna di Campiglio protagoniste le due anime...

Trio in Uno, nuovo capitolo della musica brasiliana

Questo inedito ensemble è ricco di energia e di complicità e sa...

Atmosfere carioca con Bollani e Ferragutti

Per la terza edizione della Campiglio Special Week che esplora la...

Incontro all'alba con la tradizione musicale brasiliana

Questa mattina al Prà Castron di Flavona  nelle Dolomiti di...

Da Mirabassi a Morelenbaum il Brasile nel mondo

Due concerti tra saloni con atmosfere senza tempo e alte quote. Dalle...

L'Opera a 2000 metri premiata da un mare di applausi

Oggi di fronte a oltre 1000 persone è andata in scena una prima...

La Campiglio Special Week al via con l'Alba

Alla terza edizione il progetto che tocca non solo le cime delle...

L'Opera ad un passo dal cielo con "I Suoni delle Dolomiti"

Quest'anno la novità della kermesse trentina di musica in quota è...

Archi senza confini nel cuore del Catinaccio

Mozart e Brahms sono gli autori con cui si confronta ai Suoni questo...

Campiglio Special Week, un festival nel festival

Alla terza edizione il progetto che tocca non solo le cime delle...

Festival dello Sport: il mondo della Moda presente con Remo Ruffini e...

gio, 26.09.2019

A due settimane esatte dall'avvio del Festival dello Sport 2019 fervono i preparativi per la seconda edizione in programma a Trento dal 10 al 13...

Leggi tutto ...

"Sanctuary": la serie tv girata in Trentino sarà trasmessa in sei...

mar, 17.09.2019

Collaborazioni internazionali per Trentino Film Commission

Leggi tutto ...

I Suoni delle Dolomiti salutano il pubblico sotto le Pale di San...

dom, 15.09.2019

Malika Ayane canta per oltre settemila persone

Leggi tutto ...

Per i Suoni finale con Penguin Cafe e Malika Ayane

gio, 12.09.2019

La 25° edizione del Festival musicale in quota si conclude con due grandi artisti che hanno tracciato percorsi creativi sicuramente originali e...

Leggi tutto ...

La cultura musicale dell'Africa tra le Dolomiti

lun, 09.09.2019

I Chesaba sono un trio tutto ritmo, energia e creatività. Al Festival i Suoni delle Dolomiti proporranno una elettrizzante celebrazione della musica...

Leggi tutto ...

Russian Renaissance, un viaggio nell'anima russa

ven, 06.09.2019

Ai Suoni delle Dolomiti un gruppo rivelazione che è stato capace di creare un ponte tra la tradizione strumentale di questo grande paese e la grande...

Leggi tutto ...

Gran finale con Yamandu Costa e Comunicato Samba

mer, 04.09.2019

Alla Special Week di Madonna di Campiglio protagoniste le due anime che da sempre si intrecciano e dialogano nella scena sonora del Brasile: le...

Leggi tutto ...

Trio in Uno, nuovo capitolo della musica brasiliana

mar, 03.09.2019

Questo inedito ensemble è ricco di energia e di complicità e sa combinare il sapore e la spontaneità della musica popolare all'espressività della...

Leggi tutto ...

Atmosfere carioca con Bollani e Ferragutti

lun, 02.09.2019

Per la terza edizione della Campiglio Special Week che esplora la scena musicale brasiliana il grande pianista jazz si esibisce a Malga Brenta Bassa...

Leggi tutto ...

Incontro all'alba con la tradizione musicale brasiliana

dom, 01.09.2019

Questa mattina al Prà Castron di Flavona  nelle Dolomiti di Brenta. Il via alla terza edizione della Campiglio Special Week che per una...

Leggi tutto ...

Da Mirabassi a Morelenbaum il Brasile nel mondo

sab, 31.08.2019

Due concerti tra saloni con atmosfere senza tempo e alte quote. Dalle atmosfere senza tempo del Salone Hofer a Madonna di Campiglio (2 settembre, ore...

Leggi tutto ...

L'Opera a 2000 metri premiata da un mare di applausi

sab, 31.08.2019

Oggi di fronte a oltre 1000 persone è andata in scena una prima assoluta de I Suoni delle Dolomiti che hanno portato ai duemila metri di Pian della...

Leggi tutto ...

La Campiglio Special Week al via con l'Alba

ven, 30.08.2019

Alla terza edizione il progetto che tocca non solo le cime delle Dolomiti di Brenta, ma anche prati, monumenti, saloni antichi e luoghi...

Leggi tutto ...

L'Opera ad un passo dal cielo con "I Suoni delle Dolomiti"

mer, 28.08.2019

Quest'anno la novità della kermesse trentina di musica in quota è tutta italiana perché, per la prima volta a duemila metri di altitudine, si...

Leggi tutto ...

Archi senza confini nel cuore del Catinaccio

lun, 26.08.2019

Mozart e Brahms sono gli autori con cui si confronta ai Suoni questo progetto decisamente internazionale che unisce musicisti provenienti da Italia,...

Leggi tutto ...

Campiglio Special Week, un festival nel festival

mer, 21.08.2019

Alla terza edizione il progetto che tocca non solo le cime delle Dolomiti di Brenta, ma anche prati, monumenti, saloni antichi e luoghi...

Leggi tutto ...

Cultura