Il violoncello del grande Mischa Maisky

Mercoledì 20 al rifugio Rosetta “G. Pedrotti” nelle Pale di San Martino. Il grande musicista lettone proporrà al pubblico un viaggio nella terza e nella quinta Suite di Johann Sebastian Bach. «L’ho scelto perché questo autore è perfetto per un evento del genere»

Dopo il jazz, la canzone d'autore, la world music, sulle Dolomiti torna la musica classica, un genere sempre più amato e seguito dal pubblico e in grado di trovare nel rapporto con la natura nuove forme e vitalità. Sulle Pale di San Martino, al rifugio Rosetta “G. Pedrotti”, mercoledì 20 luglio (ore 13) si esibisce un grandissimo violoncellista come Mischa Maisky.

“Non so ancora bene cosa aspettarmi da questa esperienza, per me sicuramente inusuale. Ma sono un tipo aperto alle novità e sono quindi molto curioso di poterla vivere”, afferma il celebre musicista lettone, vincitore nel 1966 del prestigiosissimo concorso Čajkovskij e da allora protagonista di una brillante carriera concertistica che lo ha portato a suonare in tutto il mondo, ovunque apprezzato per la sua versatilità stilistica.

Maisky è nato a Riga in Lettonia poco dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Finiti gli studi cittadini è entrato nel Conservatorio di Leningrado e dopo aver vinto nel 1966 il Čajkovskij ha proseguito gli studi al Conservatorio di Mosca. Il suo debutto con l'Orchestra Philarmonica di Leningrado avvenne a soli 17 anni e ben presto si guadagnò il nomignolo di "futuro Rostropovich”.

Maisky è emigrato in Israele a inizio degli anni Settanta dopo aver ottenuto la cittadinanza; dopo di allora la sua carriera l'ha portato in varie parti del mondo: nel 1973 ha vinto il concorso Gaspar Cassado di Firenze quindi ha suonato con la Pittsburg Symphony Orchestra diretta da William Steinberg per diventare successivamente allievo di Gregor Piatigorsky a Los Angeles.

Nella sua lunga attività, il violoncellista lettone ha potuto lavorare a lungo con artisti del calibro di Martha Agerich, Radu Lupu, Sergio Tiempo, Gidon Kremer oltre a direttori come Leonard Bernstein, Zubin Mehta, Vladimir Ashkenazy, Daniel Barenboim, Giuseppe Sinopoli.

Numerose anche le sue incisioni – oltre cinquanta – di cui molte con le più importanti orchestre del mondo dalla Vienna Philarmonic alla Berlin Philarmonic passando per la London Symphony Orchestra, l'Orchestre de Paris e molte altre. Tra i compositori a cui ha prestato la proprie tecnica e interpretazione raggiungendo vette assolute ci sono Bach, Joseph Haydn, Brahms, Beethoven, Rachmaninoff – solo citandone alcuni – e quello che attenderà gli ascoltatori sulle Pale di San Martino, a San Martino di Castrozza, sarà sicuramente una esperienza indimenticabile con un viaggio nella terza e nella quinta Suite per Violoncello di Johann Sebastian Bach.

“Credo che Bach sia perfetto per un evento del genere. Peraltro, la musica di Bach si adatta a qualsiasi situazione o contesto ambientale, che sia una chiesa, un teatro, una sala da concerto o, appunto, un rifugio di montagna. È la musica più universale che possa esserci! Non ha limiti!”, ha detto Maisky. “Sarà anche molto interessante verificare la reazione degli ascoltatori. Di solito il rapporto fra musicista e pubblico cambia a seconda dell’acustica del luogo e dell’ispirazione dello stesso musicista. Credo che suonare in mezzo alla natura possa dar vita a un’interazione particolare. Non vedo l’ora di poterla constatare di persona”.

In una dichiarazione di alcuni anni fa al quotidiano La Repubblica, Maisky ha inoltre raccontato del proprio strumento e del legame con Bach: “Io suono Bach su uno strumento originale! Il mio è un violoncello Montagnana costruito a Venezia proprio negli stessi anni in cui Bach scriveva le sue Suites”.

Come raggiungere il luogo del concerto
Il Rifugio Rosetta “G. Pedrotti” a 2.581 metri di quota si raggiunge da San Martino di Castrozza con gli impianti Colverde-Rosetta e poi a piedi minuti 15 di cammino, dislivello in discesa 60 metri, difficoltà E.

L’escursione
In occasione dell'evento è possibile partecipare a una escursione con le Guide Alpine, verso la Forcella di Miel di ore 3.30 di cammino, dislivello 350 metri, difficoltà E. L'escursione è gratuita e su prenotazione telefonando al numero 0439 768795 dalle 17 alle 18.30.

In caso di maltempo si recupera alle ore 21 all'Auditorium Intercomunale di Primiero.

Informazioni:

0439 768867
www.sanmartino.com



Vedi anche ...

124 risultati

Gidon Kremer e Avi Avital, due star tra le vette

I Suoni delle Dolomiti, duplice appuntamento mercoledì 18 luglio. A...

Quando Europa e Africa si incontrano accadono grandi cose

Annullata  per la pioggia l'Alba delle Dolomiti. Maria Pia de...

Tra le Dolomiti di Brenta un festival nel festival

 I Suoni delle Dolomiti entrano nel vivo con la “Campiglio...

Bandakadabra, una travolgente musica in quota

  L’alpeggio sopra il Lago di Tovel si trasforma in una...

I Suoni delle Dolomiti hanno ricordato Paolo Manfrini

Sulle praterie alpine di Passo Lavazé in Val di Fiemme un concerto...

Storie mediterranee all'alba delle Dolomiti

  Sicuramente uno degli appuntamenti più suggestivi e attesi,...

Dinamismo e tecnica musicale tutti al femminile

Torna il grande jazz internazionale a I Suoni delle Dolomiti con...

Musica e parole nel cuore delle Dolomiti

In più di 2000 sono saliti al Rifugio Giovanni Pedrotti alla Rosetta...

Musica e parole nel cuore delle Dolomiti

Al via il primo dei progetti speciali dell'edizione 2018 de I Suoni...

In 3000 per applaudire un travolgente Graham Nash

L'artista da cinquant'anni tra gli esponenti più noti al mondo della...

Graham Nash, un mito della musica tra le Dolomiti trentine

Da cinquant'anni uno degli esponenti più noti al mondo della canzone...

I "moleta" tornano a casa

Dal 30 giugno al 1 luglio centinaia di "moleta", questo il nome...

La magia del Trentino a Master of Photography

Martedì 12 giugno alle 21.15 su Sky Arte HD sarà trasmessa la terza...

A Trento e Rovereto "Urban Trekking" culturali

Passeggiando nel centro di Trento sosta obbligatoria nella iconica...

Cent'anni dopo, Ricordi di guerra, Sguardi di Pace

Fujifilm Italia e Trentino Marketing portano in mostra a Palazzo...

Le fioriture, un affresco firmato "biodiversità"

Da zero a 1500 metri, dalla primavera all'estate, in Trentino si...

Gidon Kremer e Avi Avital, due star tra le vette

mar, 17.07.2018

I Suoni delle Dolomiti, duplice appuntamento mercoledì 18 luglio. A Madonna di Campiglio nella prestigiosa location del Salone Hofer, il grande...

Leggi tutto ...

Quando Europa e Africa si incontrano accadono grandi cose

sab, 14.07.2018

Annullata  per la pioggia l'Alba delle Dolomiti. Maria Pia de Vito e il Burnogualà Large Vocal Ensemble si sono esibiti a metà mattina al...

Leggi tutto ...

Tra le Dolomiti di Brenta un festival nel festival

sab, 14.07.2018

 I Suoni delle Dolomiti entrano nel vivo con la “Campiglio Special Week” – dal 16 al 22 luglio - che ritorna dopo il successo dello scorso...

Leggi tutto ...

Bandakadabra, una travolgente musica in quota

ven, 13.07.2018

  L’alpeggio sopra il Lago di Tovel si trasforma in una coloratissima strada di città un po' balcanica, un po' dell'area del Mississippi e...

Leggi tutto ...

I Suoni delle Dolomiti hanno ricordato Paolo Manfrini

gio, 12.07.2018

Sulle praterie alpine di Passo Lavazé in Val di Fiemme un concerto – omaggio ai grandi nomi del jazz. Protagonista lo Yamanaka Electric Female...

Leggi tutto ...

Storie mediterranee all'alba delle Dolomiti

mer, 11.07.2018

  Sicuramente uno degli appuntamenti più suggestivi e attesi, l'Alba delle Dolomiti conquista ogni anno migliaia di persone per il suo mix...

Leggi tutto ...

Dinamismo e tecnica musicale tutti al femminile

mar, 10.07.2018

Torna il grande jazz internazionale a I Suoni delle Dolomiti con Yamanaka Electric Female Trio che si esibisce in val di Fiemme, luogo simbolo del...

Leggi tutto ...

Musica e parole nel cuore delle Dolomiti

dom, 08.07.2018

In più di 2000 sono saliti al Rifugio Giovanni Pedrotti alla Rosetta - nel cuore delle Pale di San Martino - per ascoltare le musiche proposte da...

Leggi tutto ...

Musica e parole nel cuore delle Dolomiti

mer, 04.07.2018

Al via il primo dei progetti speciali dell'edizione 2018 de I Suoni delle Dolomiti che vede insieme il violoncellista internazionale Mario Brunello e...

Leggi tutto ...

In 3000 per applaudire un travolgente Graham Nash

sab, 30.06.2018

L'artista da cinquant'anni tra gli esponenti più noti al mondo della canzone americana, si è esibito nel cuore della Val Duròn al  rifugio...

Leggi tutto ...

Graham Nash, un mito della musica tra le Dolomiti trentine

lun, 25.06.2018

Da cinquant'anni uno degli esponenti più noti al mondo della canzone americana, il 30 giugno al rifugio Micheluzzi in Val Duron  inaugurerà la...

Leggi tutto ...

I "moleta" tornano a casa

gio, 21.06.2018

Dal 30 giugno al 1 luglio centinaia di "moleta", questo il nome locale dell'arrotino, si ritroveranno a Spiazzo Rendena per il primo raduno...

Leggi tutto ...

La magia del Trentino a Master of Photography

ven, 08.06.2018

Martedì 12 giugno alle 21.15 su Sky Arte HD sarà trasmessa la terza puntata del talent show intitolata "La Montagna Incantata". Dedicata alla...

Leggi tutto ...

A Trento e Rovereto "Urban Trekking" culturali

mer, 16.05.2018

Passeggiando nel centro di Trento sosta obbligatoria nella iconica piazza Duomo, con la cattedrale romanica, la fontana del Nettuno e le case...

Leggi tutto ...

Cent'anni dopo, Ricordi di guerra, Sguardi di Pace

lun, 23.04.2018

Fujifilm Italia e Trentino Marketing portano in mostra a Palazzo delle Albere a Trento un complesso lavoro fotografico di cinque autori sulla Grande...

Leggi tutto ...

Le fioriture, un affresco firmato "biodiversità"

lun, 26.03.2018

Da zero a 1500 metri, dalla primavera all'estate, in Trentino si susseguono le fioriture di migliaia di specie floristiche, spontanee e coltivate,...

Leggi tutto ...

Cultura