Il violoncello del grande Mischa Maisky

Mercoledì 20 al rifugio Rosetta “G. Pedrotti” nelle Pale di San Martino. Il grande musicista lettone proporrà al pubblico un viaggio nella terza e nella quinta Suite di Johann Sebastian Bach. «L’ho scelto perché questo autore è perfetto per un evento del genere»

Dopo il jazz, la canzone d'autore, la world music, sulle Dolomiti torna la musica classica, un genere sempre più amato e seguito dal pubblico e in grado di trovare nel rapporto con la natura nuove forme e vitalità. Sulle Pale di San Martino, al rifugio Rosetta “G. Pedrotti”, mercoledì 20 luglio (ore 13) si esibisce un grandissimo violoncellista come Mischa Maisky.

“Non so ancora bene cosa aspettarmi da questa esperienza, per me sicuramente inusuale. Ma sono un tipo aperto alle novità e sono quindi molto curioso di poterla vivere”, afferma il celebre musicista lettone, vincitore nel 1966 del prestigiosissimo concorso Čajkovskij e da allora protagonista di una brillante carriera concertistica che lo ha portato a suonare in tutto il mondo, ovunque apprezzato per la sua versatilità stilistica.

Maisky è nato a Riga in Lettonia poco dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Finiti gli studi cittadini è entrato nel Conservatorio di Leningrado e dopo aver vinto nel 1966 il Čajkovskij ha proseguito gli studi al Conservatorio di Mosca. Il suo debutto con l'Orchestra Philarmonica di Leningrado avvenne a soli 17 anni e ben presto si guadagnò il nomignolo di "futuro Rostropovich”.

Maisky è emigrato in Israele a inizio degli anni Settanta dopo aver ottenuto la cittadinanza; dopo di allora la sua carriera l'ha portato in varie parti del mondo: nel 1973 ha vinto il concorso Gaspar Cassado di Firenze quindi ha suonato con la Pittsburg Symphony Orchestra diretta da William Steinberg per diventare successivamente allievo di Gregor Piatigorsky a Los Angeles.

Nella sua lunga attività, il violoncellista lettone ha potuto lavorare a lungo con artisti del calibro di Martha Agerich, Radu Lupu, Sergio Tiempo, Gidon Kremer oltre a direttori come Leonard Bernstein, Zubin Mehta, Vladimir Ashkenazy, Daniel Barenboim, Giuseppe Sinopoli.

Numerose anche le sue incisioni – oltre cinquanta – di cui molte con le più importanti orchestre del mondo dalla Vienna Philarmonic alla Berlin Philarmonic passando per la London Symphony Orchestra, l'Orchestre de Paris e molte altre. Tra i compositori a cui ha prestato la proprie tecnica e interpretazione raggiungendo vette assolute ci sono Bach, Joseph Haydn, Brahms, Beethoven, Rachmaninoff – solo citandone alcuni – e quello che attenderà gli ascoltatori sulle Pale di San Martino, a San Martino di Castrozza, sarà sicuramente una esperienza indimenticabile con un viaggio nella terza e nella quinta Suite per Violoncello di Johann Sebastian Bach.

“Credo che Bach sia perfetto per un evento del genere. Peraltro, la musica di Bach si adatta a qualsiasi situazione o contesto ambientale, che sia una chiesa, un teatro, una sala da concerto o, appunto, un rifugio di montagna. È la musica più universale che possa esserci! Non ha limiti!”, ha detto Maisky. “Sarà anche molto interessante verificare la reazione degli ascoltatori. Di solito il rapporto fra musicista e pubblico cambia a seconda dell’acustica del luogo e dell’ispirazione dello stesso musicista. Credo che suonare in mezzo alla natura possa dar vita a un’interazione particolare. Non vedo l’ora di poterla constatare di persona”.

In una dichiarazione di alcuni anni fa al quotidiano La Repubblica, Maisky ha inoltre raccontato del proprio strumento e del legame con Bach: “Io suono Bach su uno strumento originale! Il mio è un violoncello Montagnana costruito a Venezia proprio negli stessi anni in cui Bach scriveva le sue Suites”.

Come raggiungere il luogo del concerto
Il Rifugio Rosetta “G. Pedrotti” a 2.581 metri di quota si raggiunge da San Martino di Castrozza con gli impianti Colverde-Rosetta e poi a piedi minuti 15 di cammino, dislivello in discesa 60 metri, difficoltà E.

L’escursione
In occasione dell'evento è possibile partecipare a una escursione con le Guide Alpine, verso la Forcella di Miel di ore 3.30 di cammino, dislivello 350 metri, difficoltà E. L'escursione è gratuita e su prenotazione telefonando al numero 0439 768795 dalle 17 alle 18.30.

In caso di maltempo si recupera alle ore 21 all'Auditorium Intercomunale di Primiero.

Informazioni:

0439 768867
www.sanmartino.com



Vedi anche ...

148 risultati

Dal 2019 una nuova avventura targata Team Trentino Gresini MotoE

Oggi a Trento, nella spettacolare location di Palazzo delle Albere,...

LE BELLEZZE DEL TRENTINO SVELATE DA “NIAGARA”

Nel nuovo programma di Licia Colò una serie di inserti e servizi...

UNO SPAZIO TRENTINO NEL MUSEO DEL PAPA MONTANARO

Il santuario-museo Jana Pawla II di Cracovia è il più importante...

Presentato il palinsesto del primo Festival dello Sport

Organizzato da La Gazzetta dello Sport e Trentino è in programma...

A Madonna di Campiglio l’8a Conferenza Internazionale dei Geoparchi...

Dall’11 al 14 settembre, migliaia di delegati UNESCO provenienti da...

I Suoni si concludono con un messaggio di pace

L'evento E intanto si suona, ideato da Mario Brunello e Alessandro...

La musica, la guerra, la pace, un unico racconto corale e orchestrale

L’edizione 2018 del festival I Suoni delle Dolomiti si conclude in...

Dakhabrakha e le frontiere musicali d'Europa

Il penultimo appuntamento de I Suoni delle Dolomiti propone questo...

Teresa Salgueiro, quando i sogni diventano musica

Nella cornice di Camp Centener sopra Madonna di Campiglio l’artista...

Teresa Salgueiro, sogno e poesia tra le vette

A I Suoni delle Dolomiti ritorna un’artista che ha lasciato...

Un quartetto d'archi a duemila metri

In dieci giorni quattro grandi appuntamenti dedicati a generi tra...

Andrea Motis, nuova stella nel firmamento jazz

Oggi a Malga Tassulla la ventenne cantante, trombettista e...

Andrea Motis, tutto il talento di una nuova stella

Torna il grande jazz internazionale al festival I Suoni delle...

Chitarra e sassofono per una musica senza confini

Sopra Passo San Pellegrino per I Suoni delle Dolomiti si esibiscono...

Grant Lee Phillips ispirato dalla natura trentina

Nel concerto per I Suoni delle Dolomiti a Malga Canvere in Val di...

Grant - Lee Phillips musica tra sogno e poesia

Dopo il mito Graham Nash, I Suoni delle Dolomiti propongono un'altra...

Dal 2019 una nuova avventura targata Team Trentino Gresini MotoE

mer, 10.10.2018

Oggi a Trento, nella spettacolare location di Palazzo delle Albere, è stato presentato il nuovo progetto MotoE che conterà anche di una partnership...

Leggi tutto ...

LE BELLEZZE DEL TRENTINO SVELATE DA “NIAGARA”

gio, 27.09.2018

Nel nuovo programma di Licia Colò una serie di inserti e servizi dalle valli trentine e dal Muse

Leggi tutto ...

UNO SPAZIO TRENTINO NEL MUSEO DEL PAPA MONTANARO

ven, 21.09.2018

Il santuario-museo Jana Pawla II di Cracovia è il più importante complesso al mondo dedicato alla figura e all’opera di San Giovanni Paolo II....

Leggi tutto ...

Presentato il palinsesto del primo Festival dello Sport

mer, 12.09.2018

Organizzato da La Gazzetta dello Sport e Trentino è in programma dall'11 al 14  ottobre a Trento. Tema della prima edizione: Il Record. Più di...

Leggi tutto ...

A Madonna di Campiglio l’8a Conferenza Internazionale dei Geoparchi...

gio, 06.09.2018

Dall’11 al 14 settembre, migliaia di delegati UNESCO provenienti da tutto il mondo si riuniranno per parlare di Geoparchi, ambiente e sviluppo...

Leggi tutto ...

I Suoni si concludono con un messaggio di pace

sab, 01.09.2018

L'evento E intanto si suona, ideato da Mario Brunello e Alessandro Baricco, ha chiuso l'edizione 2018 del festival e insieme un percorso di quattro...

Leggi tutto ...

La musica, la guerra, la pace, un unico racconto corale e orchestrale

mar, 28.08.2018

L’edizione 2018 del festival I Suoni delle Dolomiti si conclude in Valsugana ad Arte Sella con il progetto speciale “E intanto si suona”,...

Leggi tutto ...

Dakhabrakha e le frontiere musicali d'Europa

sab, 25.08.2018

Il penultimo appuntamento de I Suoni delle Dolomiti propone questo quartetto ucraino che ama definire quanto crea un ethno-chaos. In realtà si...

Leggi tutto ...

Teresa Salgueiro, quando i sogni diventano musica

ven, 24.08.2018

Nella cornice di Camp Centener sopra Madonna di Campiglio l’artista si è esibita per I Suoni delle Dolomiti in un intenso concerto nel quale ha...

Leggi tutto ...

Teresa Salgueiro, sogno e poesia tra le vette

mar, 21.08.2018

A I Suoni delle Dolomiti ritorna un’artista che ha lasciato impronte indelebili con la sua voce unica, sensibile e tessitrice di ambientazioni...

Leggi tutto ...

Un quartetto d'archi a duemila metri

lun, 20.08.2018

In dieci giorni quattro grandi appuntamenti dedicati a generi tra loro diversi per concludere il festival I Suoni delle Dolomiti. Mercoledì 22...

Leggi tutto ...

Andrea Motis, nuova stella nel firmamento jazz

lun, 20.08.2018

Oggi a Malga Tassulla la ventenne cantante, trombettista e compositrice catalana ha proposto ad un pubblico di oltre 1000 spettatori il proprio mondo...

Leggi tutto ...

Andrea Motis, tutto il talento di una nuova stella

mar, 14.08.2018

Torna il grande jazz internazionale al festival I Suoni delle Dolomiti grazie a questa ventenne cantante, trombettista e compositrice catalana che ha...

Leggi tutto ...

Chitarra e sassofono per una musica senza confini

mar, 07.08.2018

Sopra Passo San Pellegrino per I Suoni delle Dolomiti si esibiscono due artisti ungheresi che attingono al vasto patrimonio di tradizioni e storie...

Leggi tutto ...

Grant Lee Phillips ispirato dalla natura trentina

mar, 07.08.2018

Nel concerto per I Suoni delle Dolomiti a Malga Canvere in Val di Fiemme il cantautore americano ha proposto al numeroso pubblico diversi brani del...

Leggi tutto ...

Grant - Lee Phillips musica tra sogno e poesia

ven, 03.08.2018

Dopo il mito Graham Nash, I Suoni delle Dolomiti propongono un'altra stella della scena sonora americana e internazionale. Martedì 7 agosto a Malga...

Leggi tutto ...

Cultura