I PRESEPI TRENTINI ESPRESSIONE DELL’ARTE POPOLARE

In alcune valli del Trentino il Presepe si è trasformato in un rito partecipato dai residenti con decine e decine di natività che abbelliscono avvolti, nicchie, fontane, piazze e realizzate con i più diversi materiali. E quest’anno la natività a grandezza naturale che da vent’anni abbellisce il centro di Scurelle in Valsugana sarà allestita a dicembre in Piazza San Pietro

della religiosità popolare evocata con originalità e fantasia, i presepi del Trentino nelle settimane di Avvento vengono allestiti nelle chiese e nelle piazze dei paesi. I più pregiati sono in legno ed evidenziano l’abilità degli artigiani locali, ma i materiali utilizzati sono oggi i più diversi: semi, foglie e fibre delle più diverse piante, cortecce, pietre, lana etc.

A Tesero, in Val di Fiemme (www.presepiditesero.it), la raffigurazione della Natività si ripete per le vie del paese da oltre quarant’anni. Qui sono un centinaio le composizioni collocate tra le case, negli avvolti e nelle cantine, sotto archi e porticati, sulle fontane in pietra.

Un percorso di circa un’ora attraversa il paese toccando in successione i diversi presepi illuminati dal tardo pomeriggio fino alla mezzanotte. Meta finale, piazza Cesare Battisti, dove è allestita la raffigurazione della Natività con statue a grandezza naturale come quelle più volte esposte in Piazza San Pietro a Roma.

Da oltre vent’anni il paese di Miola, sull’Altopiano di Pinè, si trasforma nel “Paés dei presepi” ospitando dall’8 dicembre al 6 gennaio (fino al 22 dicembre solo nei weekend, dal 26 dicembre al 6 gennaio tutti i giorni) tantissime rappresentazioni realizzate dalle famiglie negli antichi portici, nelle finestre delle stalle, all’interno degli avvolti.

Ossana in Val di Sole, dal 29 novembre al 6 gennaio, per il 20° anno diventa “Il Borgo dei 1000 presepi”. Si possono ammirare lungo un suggestivo percorso che parte da una artistica stella cometa allestita nel centro di Ossana e si snoda lungo le stradine e i vicoli del borgo fino alle imponenti mura di Castel San Michele. Sono quasi 1.000 i presepi realizzati manualmente da residenti, artisti, scuole e associazioni di volontariato del paese e dell'intera Val di Sole visitabili dalle 10 alle 22.

Dalla Valsugana a Piazza San Pietro a Roma

Con le sue venti statue in legno a grandezza naturale realizzate dagli artisti Felix e Tiziano Deflorian e decorate da Ivo Tomaselli che ne è stato l’ideatore, il presepe di Scurelle in Valsugana viene abitualmente collocato nella piazza centrale del paese ed è tra i più imponenti del Trentino.

A vent’anni dalla sua prima esposizione questo presepe ligneo sarà allestito il prossimo dicembre in Piazza San Pietro a Roma. In passato, nel cuore mondiale della cristianità, era stato collocato un altro celebre presepe ligneo, quello di Tesero in Val di Fiemme.
 

Ulteriori tradizioni del Natale e dell’Avvento in Trentino a questo link