Per il Trentino la sicurezza è al primo posto

In questa sezione potrai approfondire tutte le misure adottate dai nostri operatori e fornitori di servizi turistici per tutelare te e i tuoi cari.

PRIMAVERA AL LAGO

Una vacanza sul lago a conclusione dei rigori invernali si può disegnare in mille modi diversi: percorsi benessere per rimettersi in forma, dolci passeggiate oppure oziosi picnic, avventure a misura di bambino per le famiglie, primi assaggi di sport acquatici o tranquille pedalate sulle ciclabili, approfittando delle giornate che si allungano.

Giochi d'acqua su laghi e fiumi

Già a primavera l'acqua ritorna ad essere l’elemento ideale di avvincenti attività sportive e outdoor. Il lago di Garda non ha bisogno di presentazioni: uno spettacolo da ammirare, insieme alla tipica vegetazione mediterranea, dalle sponde e dall'alto delle montagne che lo circondano. Ma ancor più bello viverlo a bordo di una tavola da windsurf o di una deriva spinte dalle raffiche di Ora o Pelèr, i venti gardesani che appassionati da tutto il mondo conoscono bene. Sulla sponda trentina non mancano scuole di vela, windsurf e kite-surf, così come i noleggi per scendere in acqua attrezzati di tutto punto; Riva del Garda, ma soprattutto Torbole sul Garda sono tra le località più famose per "scendere il vento" anche grazie alla qualità dei servizi offerti, per principiante ed esperti e per divertirsi in tutta sicurezza. Questi luoghi ospitano da anni grandi eventi internazionali che attirano surfisti da ogni parte d’Europa, per cimentarsi in questo specchio blu affacciato tra pareti di roccia e uliveti.

Finalmente all'aria aperta per tutta la famiglia

Acque limpide, clima mite, prati sconfinati e spettacolari montagne a fare da sfondo: i laghi del Trentino regalano mille occasioni per un break primaverile a misura di famiglia e gite da fare con i bimbi, lì dove l’acqua che scende dalle montagne si trasforma in energia.

Il Garda Trentino offre diverse falesie family friendly dove grandi e piccini possono arrampicare in tutta sicurezza. Il lago di Molveno, invece, può essere la meta per gli amanti dei giri di famiglia in mtb, già che tenendo il lago come campo base è possibile da lì partire lungo vari itinerari di esplorazione dell’altopiano della Paganella in sella alla mountain bike, dirigendosi senza alcuna fatica, per esempio, al lago di Nembia, magari per una pausa gourmet alla baita “Fortini di Napoleone”, ma anche per le famiglie con i bimbi più pigri limitandosi al classico giro del lago. Il lago di Ledro con le sue spiaggette nascoste è ideale in primavera per esser scoperto pagaiando a bordo di una canoa, esperienza accattivante ed avventurosa per i più piccoli, specie al mattino prima che si alzino le brezze del pomeriggio, scivolando senza fatica sull’acqua del lago letteralmente immota. Per le famiglie golose e pigre c’è il lago di Serraia sull’altipiano di Pinè: basta una coperta sul prato a pochi passi dall’acqua per trascorrere uno spensierato momento pic-nic, oppure tuffarsi in uno dei deliziosi dessert proposti dall’Agrigelateria, che propone il meglio dei piccoli frutti dell’altipiano, fragole lamponi ribes e mirtilli a km 0, selezionati con cura e trasformati in deliziosi gelati. Anche le acque dei laghi di Caldonazzo e Levico in Valsugana si prestano per essere esplorate a bordo di una canoa fendendo la superficie a colpi di pagaia alla ricerca di approdi più nascosti altrimenti inaccessibili da dove ammirare il paesaggio o la fauna che popola le rive.

Picnic dolomitici

Per godere appieno delle ritrovate giornate di sole, sui laghi e tra boschi e prati che guardano le montagne, l’ideale è godere del relax stendendo una coperta sull’erba e portando con sé qualcosa di buono da mangiare. Ecco gli ingredienti per un perfetto picnic di primavera in Trentino, basta solo organizzare il cestino rigorosamente con i migliori prodotti locali, salumi artigianali come lo speck o la Luganega trentina e formaggi locali, come il Casolet, il Vezzena o i formaggi del Primiero, senza dimenticare il buon pane prodotto artigianalmente e con farine a km zero. Poi qualche dolce, come lo strudel, e della frutta fresca, come le mele DOP della Val di Non o le susine di Dro.

Le destinazioni non mancano di certo: sulle sponde del Garda, il lago più grande d’Italia, scegliendo le spiagge di Torbole, Arco o Riva del Garda, con alcuni dei migliori alberghi della zona, come i prestigiosi Hotel Luise e l’Hotel Du Lac et du Parc, che propongono ai loro ospiti dei ricchi cestini già pronti: non serve fare altro che scegliere quello preferito e stendere la tovaglia in riva al lago, coccolati dal sole. Oppure si può scegliere un bel prato nei pressi di uno dei forti della Grande Guerra, come quello che si trova sul Monte Brione, tra i paesi di Riva del Garda e Torbole, con una vista sul lago strepitosa. Oppure si può fare una splendida passeggiata tra gli ulivi dal paese di Arco fino ai soleggiati prati della Lizza, a ridosso delle mura del Castello; oppure ancora un’altra opzione è partire dal paese di Nago e salire ancora un po’ fino alle rovine di Castel Penede. Una splendida zona da esplorare in primavera è il Tennese, sulle alture vicino al lago di Garda, alla scoperta di borghi, castelli e le acque color smeraldo del Lago di Tenno.

Sul lago di Lavarone, in Alpe Cimbra, invece, boschi e prati sono da percorrere con la famiglia, l’ideale per tranquille passeggiate da completare con un gustoso spuntino a base di speck e formaggio Vezzena.

Anche il lago di Molveno, in primavera ancora poco frequentato, può essere un luogo perfetto per un picnic in famiglia, approfittando con i bambini del grande prato verde in riva al lago per godere di momenti di gioco al cospetto delle Dolomiti di Brenta.

In Val di Non i due laghetti dei Masi di Ruffrè, inseriti fra verdi prati al limitare del bosco, sono perfetti per una fuga dalla città nelle fresche giornate di primavera, fermandosi per un allegro picnic o scegliere di passeggiare verso Passo Mendola, ai paesi di Cavareno e Sarnonico oppure verso il Monte Roèn.

 

La primavera presa all’amo

Con la primavera riprende in tutto il Trentino la pesca sui fiumi, laghi e torrenti. A disposizione vi sono oltre 2000 km di fiumi e torrenti e quasi 300 laghi. Proprio la varietà di ambienti acquatici e la presenza di oltre 500 zone di pesca a disposizione, fanno di questo territorio una destinazione ideale per pescare, in particolare a mosca e a spinning. Basta indossare gli appositi “waders”, per muoversi liberamente nel corso d’acqua senza bagnarsi, e lanciare l’esca verso i punti dove più facilmente può stazionare il pesce, nelle acque più calme o sotto i massi affioranti. Una sfida che richiede pazienza, esperienza e anche un po’ di fortuna. A primavera la scelta può cadere fra i grandi laghi di fondovalle o fiumi come il Noce, la Sarca, la Brenta e l’Adige. Su questi corsi d’acqua si trovano anche numerose zone riservate alla pesca “no kill”, senza cioè prelievo del pesce, perché una volta catturato viene liberato dall’amo e subito rilasciato. Sulla Sarca, invece, si trovano anche speciali piattaforme per consentire un accesso facilitato ad anziani e persone con disabilità. Per conoscere tutte le opportunità a disposizione degli appassionati il riferimento rimane il portale www.trentinofishing.it.

 

Ulteriori approfondimenti qui



Vedi anche ...

82 risultati

ESPERIENZE INDIMENTICABILI PER BAMBINI E FAMIGLIE

Vacanze da vivere tra escursioni a tema, emozioni nei parchi...

IN TRENTINO, PER RISVEGLIARE CORPO E MENTE

Passeggiate nelle foreste, percorsi sensoriali e nell’acqua,...

I SUONI DELLE DOLOMITI, LA MUSICA A CONTATTO CON LA MONTAGNA

Dal 23 agosto al 24 settembre la ventiseiesima edizione del Festival

I SUONI CELEBRANO “UNA NUOVA STAGIONE”

I Solisti Aquilani e Natalino Balasso alla première del Festival...

GRANDE MUSICA ITALIANA IN QUOTA

Al festival I Suoni delle Dolomiti concerti e progetti che ruotano...

MUSICA CLASSICA IN VIAGGIO

Da sempre luogo di incontro, il Festival I Suoni delle Dolomiti...

MAGIE IN QUOTA PER CUORI SENSIBILI E MENTI CURIOSE

Due omaggi speciali segnano il programma della ventiseiesima edizione...

CENT'ANNI IN UN TANGO

Il festival I Suoni delle Dolomiti omaggia il genere musicale...

ESPERIENZE INDIMENTICABILI PER BAMBINI E FAMIGLIE

lun, 14.06.2021

Vacanze da vivere tra escursioni a tema, emozioni nei parchi avventura, scoperte e svaghi a contatto con la natura. Una ricca proposta per rendere...

Leggi tutto ...

IN TRENTINO, PER RISVEGLIARE CORPO E MENTE

gio, 10.06.2021

Passeggiate nelle foreste, percorsi sensoriali e nell’acqua, camminate a piedi nudi, forest bathing e tree hugging: così la natura diventa il...

Leggi tutto ...

I SUONI DELLE DOLOMITI, LA MUSICA A CONTATTO CON LA MONTAGNA

gio, 20.05.2021

Dal 23 agosto al 24 settembre la ventiseiesima edizione del Festival

Leggi tutto ...

I SUONI CELEBRANO “UNA NUOVA STAGIONE”

gio, 20.05.2021

I Solisti Aquilani e Natalino Balasso alla première del Festival trentino di musica in quota. Partendo dalle “Quattro stagioni” di Vivaldi una...

Leggi tutto ...

GRANDE MUSICA ITALIANA IN QUOTA

gio, 20.05.2021

Al festival I Suoni delle Dolomiti concerti e progetti che ruotano attorno a grandi nomi della scena musicale italiana degli ultimi decenni. Le...

Leggi tutto ...

MUSICA CLASSICA IN VIAGGIO

gio, 20.05.2021

Da sempre luogo di incontro, il Festival I Suoni delle Dolomiti diventa anche laboratorio nel quale la musica classica e i suoi grandi interpreti si...

Leggi tutto ...

MAGIE IN QUOTA PER CUORI SENSIBILI E MENTI CURIOSE

gio, 20.05.2021

Due omaggi speciali segnano il programma della ventiseiesima edizione del Festival. Sul Col Margherita – il 6 settembre – Fabrizio Gifuni, con un...

Leggi tutto ...

CENT'ANNI IN UN TANGO

gio, 20.05.2021

Il festival I Suoni delle Dolomiti omaggia il genere musicale argentino che ha conquistato il mondo, a cent'anni dalla nascita di Astor Piazzolla. Un...

Leggi tutto ...

Cartelle stampa