Malga Cambroncoi

La malga comprende, in un'unica struttura, stalla e casera: dietro, un altro edificio ristrutturato di recente è ora adibito ad uso turistico ed era la vecchia malga.

Malga Cambroncoi


L'attuale è stata ricostruita nel 1977 e più recentemente è stata completamente ristrutturata e comprende una casera modernamente attrezzata.

 

Come arrivare:

 

Malga Cambroncoi è situata sul Monte Costalta, che separa la Val dei Mòcheni dal Pinetano. E' facilmente raggiungibile percorrendo una strada asfaltata che parte dal Passo del Redebùs, fra Palù del Fersina e Regnana di Pinè. in questa zona sono stati ritrovati dei reperti archeologici (fonderie per l'estrazione del rame) risalenti all'età del bronzo (1200 - 1000 a.c); inoltre sono state trovate tracce del passaggio di cacciatori del Mesolitico (7500 - 5500 a.c.).

Salendo da Palù del Fersina, pochi metri prima del passo, si trova una strada a sinistra, caratterizzata da una grande baccheca di legno con l'indicazione per la malga ed uno spiazzo per lasciare l'auto (m 1.450).

 

Dal 2006 il Comune proprietario rilascia non più di 15 permessi giornalieri per salire in auto alla malga che, sempre da quest'anno, svolge anche attività d'Agritur.

 

Seguendo la rotabile si lasciano i pascoli, rientrando tra gli alberi. La strada procede sinuosamente, attraversando zone di pascolo e bosco.

 

Lasciata definitivamente la vegetazione d'alto fusto, trova un paio di slarghi adibiti a parcheggio, quindi un bivio (1.680 m) occorre dirigere a destra con la strada che ora, non più asfaltata ma con due binari di larghe piastre di cemento, sale alla vicina malga con un ultimo tornante.

 

Altitudine: 1.709

Proprietà: ASUC di S. Orsola

Gestione e Casaro: Aldo Paoli

Animali presenti: vacche, manze, cavalli

Periodo alpeggio: 6 giugno - 15 settembre

Vendita diretta in malga: SI

Ristorazione: SI

Pernottamento: SI

Partenza escursioni: Passo Redebus  (in auto: 3 km, a piedi: dislivello: + 259 m, tempo: 1.00 h, difficoltà: Itinerario Turistico)

Fondo stradale: asfalto, accessibile solo con il permesso del Comune di Sant'Orsola