REMBRANDT. Opere grafiche dalle collezioni del Castello del Buonconsiglio

Nel castello delle Giudicarie la mostra dedicata al genio grafico del grande artista olandese

Castel Stenico da sabato 11 giugno ospiterà la mostra dedicata alle incisioni realizzate da Rembrandt e provenienti dalla collezione Lazzari Turco Menz, donata nel 1924 al Municipio di Trento, e conservate al Castello del Buonconsiglio.

La mostra illustra l'opera grafica del maestro olandese nato a Leida nl 1606 e morto ad Amsterdam nel 1669. Della quarantina di fogli presenti nella raccolta del museo, collegati al maestro olandese, sedici esemplari sono tirati dalle lastre originali di Rembrandt e con carte filigranate che ne confermano l’autenticità e la datazione, come La Morte della Vergine o L’Autoritratto del 1633. L’esposizione intende pertanto approfondire la conoscenza, la fama, la diffusione ma anche la fortuna dell’illustre maestro olandese, la cui geniale forza espressiva ha lasciato tracce indelebili e profonde nell’ambito della storia artistica. “Riuscite molto belle, intagliate di buon gusto e fatte di buona maniera”, così il Guercino nel 1660 descriveva con entusiasmo e ammirazione le acqueforti del  “gran virtuoso” Rembrandt, esprimendo un giudizio che sarebbe stato condiviso da generazioni di artisti, da Giovanni Benedetto Castiglione, a Stefano della Bella, al Piazzetta, a Piranesi e che avrebbe alimentato una straordinaria passione collezionistica, di cui la raccolta Lazzari Turco Menz, uno dei più eloquenti episodi di collezionismo privato, ne è indubbia conferma.

Formata da Karl Paul von Menz (1778-1847), appartenente a una nota famiglia bolzanina, animatrice nella città atesina della vivace stagione musicale di fine Settecento, la raccolta di incisioni, ereditata successivamente da Simone Turco Turcati (1803-1861), è giunta al Castello del Buonconsiglio nel 1924, “riunita in varie teche o ripari di cartone”,  grazie alla disposizione testamentaria del musicista Raffaello Lazzari (1845-1924), marito di Giulia Turco Turcati (1848-1912), figlia di Simone e pronipote dello stesso Menz. L’esposizione punta l’attenzione su alcuni dei grandi temi privilegiati da Rembrandt, tra i quali il ritratto, in cui si riflette l’intenso e appassionato studio dell’animo umano con una scrittura grafica originalissima eseguita, secondo il commento di Filippo Baldinucci, con “certi freghi e freghetti, e tratti irregolari e senza dintorno, facendo però risultare dal tutto un chiaroscuro profondo e di gran forza”(1681-1728).

Un segno estroso, sciolto e rapido, e una forte ombreggiatura, caratterizza l’Autoritratto con cappello e sciarpa al collo, mentre l’Autoritratto con Saskia, che nell’impostazione richiama il Ritratto di Baldassar Castiglione di Raffaello, rivela la forza evocativa della lezione del Sanzio, di cui Rembrandt conosceva l’opera, attraverso una serie di stampe di traduzione contenute nei cosiddetti “libri di prestigio”, appartenuti alla collezione personale del maestro di Leida. Nei fogli dedicati alle storie dell’Antico e Nuovo Testamento l’artista riesce a catturare l’essenza drammatica degli episodi attraverso forti contrasti chiaroscurali, particolarmente evidenti nel Cristo e la Samaritana (1634) o nel Gesù caccia i mercanti dal tempio (1635) in cui la storia, compressa entro un fitto intreccio di linee vigorose, è percorsa da fasci di luce che irrompono nella scena con uno straordinario effetto teatrale. Nella maestosa impaginazione scenografica della Morte della Vergine (1639), ispirata alla omonima incisione di Albrecht Dürer, Rembrandt raggiunge uno dei suoi vertici espressivi: la corale partecipazione dei personaggi, assiepati intorno al letto, protetto da un enorme tendaggio, viene descritta con un attento studio dei sentimenti, delle emozioni e del dolore, sottolineato da un deciso segno grafico e dallo squarcio luminoso che scende dall’alto, repentino, ad indicare la solennità dell’evento e con quella particolare maniera “tutta fatta di colpi strapazzati e replicati, con gran forza di scuri” (Filippo Baldinucci).

Costo di ingresso al castello



Cosa vedere ...

71 risultati

Banksy. L’artista del presente

19/06/2022 - 11/09/2022 Trento
Top Evento

Brian Eno X Trentino

19/08/2022 - 06/11/2022 Trento
Top Evento

Si combatteva qui!

01/06/2022 - 16/10/2022 Riva del Garda
Lamine di sapone

Saon

09/07/2022 - 20/08/2022 Vigo di Fassa (Sèn Jan di Fassa)
6685135

Ci raccontiamo

23/06/2022 - 08/09/2022 Vigo di Fassa (Sèn Jan di Fassa)
569574

Special Viac Cultural Running

04/09/2022 Moena
6368706

L'albero racconta

26/08/2022 Vigo di Fassa (Sèn Jan di Fassa)
6595656

Moena Incontri con l'autore Piero Badaloni

18/08/2022 Moena
1533600

70 anni di Soccorso Alpino e Speleologico Trentino

29/08/2022 - 04/09/2022 Moena
6633068

La Grande Guerra all'ombra della Marmolada

29/08/2022 Canazei (Alba - Penia)
1555250

A guardar le stelle

26/07/2022 - 06/09/2022 Soraga
6658776

La corda come unione ombelicale tra due esseri

06/09/2022 Canazei (Alba - Penia)
6654003

Serata sotto le stelle

20/08/2022 Canazei (Alba - Penia)
Te stua

"Te stua"

26/07/2022 - 30/08/2022 Canazei (Alba - Penia)
6631537

La Grande Guerra in Marmolada

02/07/2022 - 02/09/2022 Campitello di Fassa
6642119

Il Geoturismo fra le Dolomiti: viaggio in un Patrimonio Mondiale

20/08/2022 Campitello di Fassa

Banksy. L’artista del presente

La mostra al Palazzo delle Albere di Trento

Leggi tutto ...

Brian Eno X Trentino

Al Castello del Buonconsiglio e a Castel Beseno le installazioni del padre della musica ambient

Leggi tutto ...

Si combatteva qui!

Sulle orme della Grande Guerra. I Carpazi

Leggi tutto ...
Lamine di sapone

Saon

Mostra laboratorio sull’affascinante universo delle lamine di sapone presso la scuola elementare di Vigo

Leggi tutto ...
6685135

Ci raccontiamo

Incontri e racconti tra le vie di Vigo, in uno de "I borghi di più belli d’Italia"

Leggi tutto ...
569574

Special Viac Cultural Running

Tra storia e cultura, alla scoperta del paese di Moena, la Fata delle Dolomiti

Leggi tutto ...
6368706

L'albero racconta

Spettacolo "L’albero racconta" della compagnia teatrale "Trei carc de ora" che ripercorre la storia di un abete fassano durante la tempesta Vaia

Leggi tutto ...
6595656

Moena Incontri con l'autore Piero Badaloni

Una chiacchierata con lo scrittore Piero Badaloni che presenta al pubblico di Moena il suo docu-film "La Grande Sete"

Leggi tutto ...
1533600

70 anni di Soccorso Alpino e Speleologico Trentino

Arriva a Moena la mostra fotografica itinerante che celebra i 70 anni del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino

Leggi tutto ...
6633068

La Grande Guerra all'ombra della Marmolada

Gli appassionati di Grande Guerra trovano soddisfazione nella serata a cura dell’esperto Gabriele Valentini

Leggi tutto ...
1555250

A guardar le stelle

Gli astrofili della Val di Fiemme svelano i segreti delle luna, delle stelle e dei satelliti che illuminano i nostri cieli

Leggi tutto ...
6658776

La corda come unione ombelicale tra due esseri

Racconti di vita e di montagna con la guida alpina Renato Bernard in piazza a Canazei

Leggi tutto ...
6654003

Serata sotto le stelle

Osservazione astronomica con Vincent Stambé al Passo Fedaia

Leggi tutto ...
Te stua

"Te stua"

Rassegna culturale, organizzata dall'Union di Ladins de Fascia, con quattro incontri dedicati a tradizioni, storia, arte e costumi...

Leggi tutto ...
6631537

La Grande Guerra in Marmolada

La guida alpina Luigi Felicetti spiega gli aspetti che hanno contraddistinto la Grande Guerra sulla Regina delle Dolomiti

Leggi tutto ...
6642119

Il Geoturismo fra le Dolomiti: viaggio in un Patrimonio Mondiale

Incontro con il geologo Emiliano Oddone, ideatore e cofondatore di Dolomiti Project che si occupa della valorizzazione della geodiversità

Leggi tutto ...

Eventi da non perdere