Levico incontra gli autori - Daniele Zovi

Presso Istallazione Sequoia - Parco delle Terme, ore 11:00.

Levico incontra gli autori | Daniele Zovi - Alberi Sapienti. Antiche foreste (Utet 2018)

Rassegna letteraria di montagna, vita e poesia.

Presso Istallazione Sequoia - Parco delle Terme, ore 11:00.

Daniele Zovi, forestale di lungo corso e scrittore, è uno dei maggiori esperti italiani in materia di boschi e animali selvatici, autore di diversi trattati sul tema. Camminatore infaticabile e sensibilissimo osservatore della natura, ha lavorato per quarant’anni nei boschi italiani, ha perlustrato i boschi europei più belli, quelli più antichi: dalla Lituania alla Bulgaria, dal Sud della Spagna alla Germania, ha contemplato il più vecchio eucalipto al mondo, il Giant Tingle Tree, in Australia; ha seguito i semi dell’abete rosso vorticare nel vento prima di atterrare sulla neve o la chioma contorta di secolari pioppi bianchi grandi come piazze; ha rincorso le specie pioniere, gli alberi coloni che si sviluppano in territori abbandonati; analizzato cortecce e radici, fronde e resine. 

Con ‘Alberi sapienti. Antiche foreste’ (Utet, 2018) ha scritto un bellissimo manuale d’amore per il bosco dove parla di cortecce e radici, di tronchi e di magnifiche chiome. Ci porta a visitare i boschi più belli e più antichi del mondo, ci spiega come gli alberi si muovono, come si toccano, come ascoltare il bosco in un giorno di vento.

“Le piante sono spesso considerate come oggetti inanimati” – dice Zovi – in realtà sono molto sensibili, ovvero dotate di sensi: possiedono il tatto, l’olfatto, comunicano tra loro, si aiutano reciprocamente. Iniziamo a pensare alle piante come nostri simili, del resto gli alberi rappresentano il 98% delle biomasse del nostro pianeta. Qui sulla terra, sono loro ad aver avuto successo”. 

Gli alberi raccontati da chi li ama sono sorprendentemente animati: scopriremo che la corteccia è la pelle degli alberi, e come la nostra pelle racconta un sacco di storie, che Venezia siede sopra una grande foresta, che in Italia ci sono foreste ancora (quasi) vergini, che c’è un piccolo pezzo di bosco africano in Europa, che il bosco è il primo rifugio dell’uomo e se lo annusiamo stiamo meglio.

Insomma, perché Daniele Zovi va nel bosco? “sono bosco-dipendente. Vado nel bosco perché ritrovo me stesso e sento fluire l’energia”.

Ingresso libero. In caso di pioggia ci ripariamo presso Villa Paradiso, all’interno del Parco delle Terme.

Maggiori informazioni:
La piccola libreria di Levico Tel. 0461.701914  info@lapiccolalibreria.it
Biblioteca Comunale di Levico 0461/710206 levico@biblio.infotn.it