Gli XHU in concerto live

La band di rock sperimentale al Bookique

Gli Xhu non sono solo una band ma un progetto di ricerca sonora con l’intento di proporre una visione alternativa della musica; un laboratorio in cui sperimentare nuove soluzioni ritmiche e sonore, attraverso un linguaggio inedito e rivoluzionario.
Uno spazio nato dalla necessità di Alessandro Capasso di fondere in una band la produzione artistica fluita all’interno delle Lab sessions, format audio-visivo curato e prodotto dal Collettivo Cerchi, fondato dallo stesso Alessandro nel 2014. Il Collettivo è un’officina di ricerca creativa di più arti, in cui la musica fa da mastice/collante universale.

Xhu è anche un codice espressivo, in origine solo visivo, ma che con il tempo e la ricerca si è evoluto fino a diventare fonetico, quindi trasmissibile oralmente. Un nuovo idioma generato da grafemi prima inesistenti, una scrittura primitiva con una propria grammatica coerente e un corrispondente apparato fonetico.

Ogni testo viene composto e cantato in lingua Xhu, da cui la band prende, appunto, il nome.L’esclusività del progetto e la sua innovazione sta proprio nella forma espressiva utilizzata. Alessandro Capasso ha dato vita ad una vera e propria grammatica, un linguaggio, una forma di comunicazione rivoluzionaria. In principio nata come l’esperimento di un bambino per nascondere agli altri i propri pensieri, anche se lasciati sotto gli occhi di tutti, divenuta poi un sistema comunicativo più complesso. Dopo anni di lavoro su crittogrammi e ideogrammi si è arrivati ad una maturazione tale dello Xhu, da rendere possibile scriverlo e parlarlo. Un linguaggio concepito da un bambino, che si è evoluto anche sulla base delle suggestioni, degli esperimenti, delle empatie provenienti dal percorso di maturazione e crescita di un individuo.

In tutta Europa e forse anche oltre, attualmente, non esiste un progetto artistico che sia spinto in una sperimentazione espressiva così profonda e radicale, arrivando a sovvertire la forma di comunicazione più elementare e istintiva che è il linguaggio. Né esiste, o quantomeno non è mai stato pubblicato, un tentativo di dare vita ad una nuova forma di linguaggio come questo, con una grammatica e una struttura che ne permette la traduzione e l’utilizzo.
Il sound degli XHU è fortemente ispirato da artisti come Peter Gabriel, Genesis, TV on the Radio e altri nomi della scena world rock mondiale. Ma a plasmare più di ogni cosa il suono sono le suggestioni sonore raccolte in giro per il mondo, durante gli innumerevoli viaggi di Alessandro. Le diverse sfumature che è possibile rintracciare nei brani degli XHU hanno radici proprio nei luoghi fotografati, filmati, ripresi e custoditi in questi viaggi di ricerca-azione. Africa, India, Cina, Medioriente, Europa. Un'unica rotta: il loro suono, la loro matrice sonora.

Non è possibile riassumere in un unico genere il sound della band. La matrice è sicuramente l’elettronica, ma nell’accezione più ampia del termine.

Se l'elettronica definisce l’utilizzo della tecnologia a favore della composizione musicale e della “sintetizzazione” del suono allora gli XHU sono un gruppo di musica elettronica; con la capacità però di dialogare contemporaneamente con elementi multipli, dai futuristi synth fino alle vibrazioni profonde e ancestrali di legni, ottoni, tamburi. Alessandro sperimenta costantemente l’utilizzo di oggetti apparentemente lontani dall’ iconografia musicale, ma che possono essere reinventati e impiegati sotto nuova forma, come ad esempio le macchine da scrivere.

La musica degli Xhu è una alchemica miscela: Rock, Pop, World Electro e tanta sperimentazione. L’impronta è quella della contaminazione sonora. Il suono come mappa del mondo ha portato a mettere, in tutti i brani, in scontro e in tensione, sonorità estreme, diverse, facendole convivere nello stesso arrangiamento, cercando sempre il comfort orecchiabile e musicale. L’utilizzo degli archi accompagna i “riff” di chitarre . Synth analogici impastati con frequenze puramente digitali; il tutto con una cura maniacale del ritmo, della modulazione, dell’emozione semplice e potente.
Il sound degli Xhu, insieme all’utilizzo cantato dei fonemi, restituisce al pubblico un’esperienza sensoriale unica che si sintetizza in una pasta emotiva e musicale senza precedenti.

Il 22 maggio è stato pubblicato Nhenve, il primo singolo degli XHU. La critica è il pubblico hanno accolto da subito con curiosità il progetto. A inizio autunno sono state pubblicate le prime date di un tour che attraverserà quasi tutta la penisola fino alla prossima primavera.



Vedi anche ...

50 risultati

GENOMA UMANO. Quello che ci rende unici

24/02/2018 - 06/01/2019 Trento
premium
Locandina Libro Valle di Fassa-1

La Valle di Fassa tra fantasia e realtà

18/12/2018 Trento
Banner_Web_2018.12.18_Bayl

Benjamin Bayl, direttore

19/12/2018 Trento

Il Valore del Gusto

21/12/2018 Primiero-Tonadico
presepi 2018 - vigilianum

Presepi… un viaggio fra i popoli

26/11/2018 - 21/12/2018 Trento
grafite1_studioandromeda.net

Peccati di gola

08/12/2018 - 22/12/2018 Trento
Ensemble

Ninaninà

22/12/2018 Trento

Aperincontri Culturali

27/12/2018 San Martino di Castrozza
invito-001

Cantiam le montanare

22/11/2018 - 28/12/2018 Trento
2. fine anno

Confronti - Concerto di fine anno

29/12/2018 Trento

I Trentini nella guerra europea (1914 -1920)

28/06/2014 - 30/12/2018 Trento
NE_B_0781

Madonna in blu

22/06/2018 - 31/12/2018 Trento
Lago Bajkal_foto Claudio Pollini (3)

Silenzio. Il ghiaccio racconta

11/12/2018 - 31/12/2018 Trento

Aperincontri Culturali

03/01/2019 San Martino di Castrozza
Ricciardi_NonE'SuccessoNiente_Associazione Promart (1)

Things around which

30/11/2018 - 05/01/2019 Trento
mostra_First Step9_Boccanera Gallery

First Step 9

06/12/2018 - 05/01/2019 Trento

GENOMA UMANO. Quello che ci rende unici

La mostra che offre l’opportunità di riflettere sulle nuove questioni che scaturiscono dal progresso della genomica.

Leggi tutto ...
Locandina Libro Valle di Fassa-1

La Valle di Fassa tra fantasia e realtà

Presentazione libro, laboratori e musica

Leggi tutto ...
Banner_Web_2018.12.18_Bayl

Benjamin Bayl, direttore

Orchestra Haydn – Stagione sinfonica 2018/2019

Leggi tutto ...

Il Valore del Gusto

Volti, passioni e tradizioni nei sapori di Primiero e Vanoi

Leggi tutto ...
presepi 2018 - vigilianum

Presepi… un viaggio fra i popoli

Mostra di presepi dono dei missionari trentini

Leggi tutto ...
grafite1_studioandromeda.net

Peccati di gola

con opere di Stefania Simeoni

Leggi tutto ...
Ensemble

Ninaninà

Un concerto speciale dedicato al Natale, elaborato su canti della Tradizione “Cantare la Stella”, Pastorali e Ninnenanne della tradizione...

Leggi tutto ...

Aperincontri Culturali

Una serata alternativa, fra gusto e cultura

Leggi tutto ...
invito-001

Cantiam le montanare

Esposizione di fotografie e stampe d'epoca, oggetti e gioielli tra Otto e Novecento

Leggi tutto ...
2. fine anno

Confronti - Concerto di fine anno

Leggi tutto ...

I Trentini nella guerra europea (1914 -1920)

Leggi tutto ...
NE_B_0781

Madonna in blu

Una scultura veronese del Trecento

Leggi tutto ...
Lago Bajkal_foto Claudio Pollini (3)

Silenzio. Il ghiaccio racconta

Fotografie di Claudio Pollini che portano alla luce un luogo magico ed incontaminato e aspirano a narrare l'immensità del grande Lago Bajkal in...

Leggi tutto ...

Aperincontri Culturali

Una serata alternativa, fra gusto e cultura

Leggi tutto ...
Ricciardi_NonE'SuccessoNiente_Associazione Promart (1)

Things around which

Prima mostra personale nel capoluogo trentino dell’artista campano Angelo Ricciardi

Leggi tutto ...
mostra_First Step9_Boccanera Gallery

First Step 9

Personali di Elena Grigoli e Anna Ulivi

Leggi tutto ...

Eventi da non perdere