Oasi di Valtrigona

L'Oasi di Valtrigona è un’area protetta in alta quota, con numerose specie botaniche e faunistiche.

Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino | © Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino
Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino | © Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino
Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino | © Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino
Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino | © Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino
Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino | © Oasi Valtrigona - photo Associazione WWF Trentino

Si tratta dell’unica oasi del Wwf dell’arco alpino. Situata in una valle laterale alla Val Calamento, ai piedi della catena del Lagorai, si estende per 236 ettari attraverso cui si sviluppa il Sentiero natura, tra boschi di larici e pino cembro, a quote comprese tra 1.600 e 2.200 m., comprendendo la Valtrigona e la sinistra orografica della Val Scartazza. Le malghe all'interno dell'area sono state ristrutturate a servizio dell'oasi e in parte per favorire la residua attività pastorale ancora in atto. Per raggiungere l'area protetta si segue la strada provinciale che attraversa l'abitato di Telve nella direzione del Passo Manghen per circa 15 km. Dalla Valtrighetta si prosegue a piedi, lungo il sentiero 374, che raggiunge la Bocchetta d'Ezze.
Inaugurato nel 1997, il sentiero è un vero e proprio museo della natura a cielo aperto, visitabile da giugno a ottobre, con conifere, praterie d’altitudine e rare specie faunistiche, come la rana temporaria, il gallo cedrone, la pernice bianca, l’aquila reale, il picchio rosso maggiore, il camoscio, la volpe e l’ermellino. Basterà ascoltare i rumori della natura e aguzzare la vista per avvistare gli animali selvatici, senza abbandonare il sentiero principale, evitando così di arrecare disturbo all’ambiente.