Musei e centri visite ...

... per conoscere la geologia delle Dolomiti

Le Dolomiti sono illustrate e raccontate in diverse sede museali ed espositive. Iniziamo il viaggio…

Grandi e piccoli musei, collezioni, biblioteche: sono numerosi i luoghi nei quali si possono scoprire in Trentino i segreti delle rocce dolomitiche. Ad iniziare dal MUSE di Trento, vera “porta d’ingresso” alle Dolomiti, iniziamo un primo viaggio verso le Valli di Fiemme e di Fassa, per poi passare alle Dolomiti di Brenta e ritornare alla città di Trento.

Dall’estate 2015 è rinnovato a Predazzo il Museo delle Dolomiti, sezione del MUSE, fondato nel 1899 per iniziativa della Società Magistrale di Fiemme e Fassa. Le collezioni sono costituite da un patrimonio di oltre 11.000 esemplari, tra cui la più ricca collezione di fossili invertebrati delle scogliere medio-triassiche conservata in Italia. Il Museo si allarga sul territorio circostante con il “Sentiero geologico del Dos Capèl” fruibile nel periodo estivo. Anche i Centri visita del Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino – insieme a musei e collezioni minori - offrono diverse opportunità.

Dall’altra parte del Trentino, a Carisolo nel Parco naturale Adamello-Brenta c’è dal 2014 la Casa del Geopark. Offre la possibilità di scoprire le meraviglie geologiche, attraverso plastici, diorami, esperimenti interattivi e postazioni multimediali, comprendendo in maniera divertente i temi specifici. Ritornati a Trento, presso la Biblioteca della Montagna-SAT è stato istituito un fondo speciale denominato Fondo librario e documentale Dolomiti bene-UNESCO.  Complessivamente la biblioteca conserva oltre 1200 monografie sulle Dolomiti in generale e oltre un migliaio sui vari gruppi montuosi. 

Pubblicato il 18/10/2021